Affido condiviso e collocazione prevalente dei figli (separazioni e divorzi)

decreto legislativo del 28.12.2013 n.154 ha riscritto gli articolo da 337 bis c.c. a 337 octies c.c. dando una nuova visione di ciò che dovrebbe essere la responsabilità genitoriale in tutti i casi in cui ci si trovi ad affrontare una separazione o undivorzio, consensuale o giudiziale.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
DIRITTO DI FAMIGLIA, SEPARAZIONE E DIVORZI
Sei alla ricerca di un avvocato o hai bisogno di maggiori informazioni?
Condividi su
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Indice dell'articolo

Affido condiviso e collocazione prevalente dei figli.

Il decreto legislativo del 28.12.2013 n.154 ha riscritto gli articolo da 337 bis c.c. a 337 octies c.c. dando una nuova visione di ciò che dovrebbe essere la responsabilità genitoriale in tutti i casi in cui ci si trovi ad affrontare una separazione o undivorzio, consensuale o giudiziale, nonché nei casi in cui siano presenti figli nati fuori dal vincolo coniugale.

Il figlio ha diritto di mantenere un rapporto equilibrato con ciascuno dei genitori, di ricevere cura, educazione e istruzione da entrambi“, così recita l’art. 337 ter  c.c. e tale disposizione rappresenta la ratio verso cui sono orientate le modifiche apportate al corpo del diritto, nei casi di separazione edivorzio, siano questi consensuali o giudiziali.

L’attuazione del principio della bigenitorialità è anche un passo che porta la nostra legislazione ad adeguarsi a quanto da tempo hanno stabilito gli ordinamenti europei. Un documento fondamentale in tal senso è la  “Convenzione sui diritti del fanciullo” sottoscritta a New York il 20 novembre 1989, e resa esecutiva in Italia con la legge n. 176 del 1991.

La Cass. civ., sentenza n. 26587 del 17.12.2009 spiega come l’affidamento condiviso dei figli ad entrambi i genitori, applicabile nel caso di separazione e didivorzio, è derogabile soltanto ove la sua applicazione risulti “pregiudizievole per l’interesse del minore”, come nel caso in cui il genitore non affidatario si sia reso inadempiente all’obbligo di corrispondere l’assegno di mantenimento in favore dei figli minori oppure abbia esercitato in modo discontinuo il suo diritto di visita. Tali comportamenti, infatti, sono sintomatici di una palese inidoneità ad affrontare quelle maggiori responsabilità che l’affido condiviso comporta anche a carico del genitore con il quale il figlio non coabiti stabilmente.

La sentenza del Tribunale di Roma del 10.01.2013 precisa che, in tema di separazione o divorzio, l’affidamento dei figli ad entrambi i genitori comporta l’esercizio della potestà genitoriale da parte di entrambi ed una condivisione delle decisioni di maggiore importanza.

( potestà genitoriale: metti link: responsabilità genitoriale)

Cass. civ.n. 977/2017: “ La regola dell’ affidamento condiviso dei figli è derogabile solo ove la sua applicazione risulti “pregiudizievole per l’ interesse del minore” , il che si verifica nell’ ipotesi in cui il genitore non collocatario si sia reso totalmente inadempiente al diritto di visita perché residente all’ estero, essendo tale comportamento indicativo dell’ inidoneità ad affrontare quelle maggiori responsabilità che l’ affido condiviso comporta anche a carico del genitore con il quale il figlio non coabiti stabilmente”.

Tribunale di Modena sez. I, 12/06/2019, n. 931: “ L’affido condiviso risulta pregiudizievole per l’interesse del minore, nel caso in cui il genitore non affidatario si sia reso totalmente inadempiente all’obbligo di corrispondere l’assegno di mantenimento in favore dei figli minori ed abbia esercitato in modo discontinuo il suo diritto di visita, in quanto tali comportamenti sono sintomatici della sua inidoneità ad affrontare quelle maggiori responsabilità che l’affido condiviso comporta anche a carico del genitore con il quale il figlio non coabiti stabilmente.”

Alla regola dell’affidamento condiviso, costituisce eccezione la previsione dell’affidamento esclusivo, cui può farsi ricorso solo quando l’affidamento congiunto risulti contrario all’interesse del minore, ossia solo in caso di inidoneità e inadeguatezza di uno dei genitori. Tale conclusione trova riscontro anche nella giurisprudenza dominante.

Cass. Civ. sez. I, 30/07/2018

“Posto che il giudice, in tema di affidamento dei figli minori nella separazione, come nella specie, o nel divorzio, deve attenersi al criterio fondamentale dell’esclusivo interesse morale e materiale della prole, riguardo al quale i genitori, sia l’affidatario/collocatario che l’altro, sono titolari non di diritti, ma di un mero munus, ne segue che il principio di bigenitorialità non postula una paritaria determinazione dei tempi di permanenza del figlio presso di essi, purché siano assicurate congrue modalità di incontro con i medesimi.”

Tribunale di Rimini 12/06/2018 n. 2428

“ Qualora non emergano elementi di incapacità o inadeguatezza genitoriale, deve essere disposto il regime dell’affidamento condiviso, la cui adozione è esclusa dal Legislatore nelle sole ipotesi in cui la condivisione della responsabilità genitoriale in capo ad entrambi i genitori determini un concreto e specifico pregiudizio per il minore; in assenza di elementi di incapacità genitoriale, deve prioritariamente disporsi l’affido condiviso anche quando uno dei due genitori risieda abitualmente all’estero.”

La prevalente collocazione presso uno dei genitori, si determina dall’esame delle abitudini del minore, che devono essere modificate il meno possibile in seguito allo scioglimento dell’unione familiare. Pertanto se è sempre stata la madre ad accompagnare il figlio a scuola e a seguirlo nelle sue attività sportive e ricreative, è verosimile che la stessa venga indicata come genitore presso cui sarà prevista la collocazione prevalente della prole.

In questo panorama normativo va inserito anche un recente provvedimento legislativo, il d.lgs n. 154 del 28 dicembre 2013, che ha riformulato l’art. 316 c.c. introducendo il nuovo concetto di responsabilità genitoriale. Secondo una parte della dottrina questo nuovo intervento legislativo inciderà sull’istituto dell’ affido condiviso, conferendo al giudice un maggior potere decisionale, circa la possibilità di prevedere l’affidamento esclusivo della prole a uno dei coniugi.

( responsabilità genitoriale, mettere link responsabilità genitoriale).

Per ulteriori approfondimenti si rimanda ai seguenti ARTICOLI:

TEMPI DI PERMANENZA DEI FIGLI CON I GENITORI IN CASO DI SEPARAZIONE O DIVORZIO

Mediazione familiare

Il diritto dei minori alla bigenitorità

Affido condiviso e collocazione prevalente dei figli (separazioni e divorzi)

Genitori Separati | Divorziati e COVID-19 (Coronavirus) – Turnazione dei figli – Istruzioni per l’uso.

La Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori

Cosa dire ai figli in caso di separazione tra coniugi.

Il trasferimento del genitore separato o divorziato con figli minori

Figli di genitori separati: chi decide lo sport da praticare

Valenza probatoria sms ed e-mail nel diritto di famiglia

Il diritto di visita dei genitori dei figli separati

La responsabilità genitoriale

Il diritto agli alimenti

Come e quando cominciano i pernotti presso il padre?

La pensione di reversibilità

Sei alla ricerca di un avvocato o hai bisogno di informazioni?
Contatta lo studio dell’Avvocato Cirri per un appuntamento conoscitivo o invia un’email a avvocato@lorenzocirri.it.

Articoli correlati

Gli Accordi prematrimoniali

È un accordo tra due soggetti prossimi al matrimonio volto a regolamentare la situazione patrimoniale e non solo, nell’eventualità di una futura e irreparabile crisi coniugale

Scopri di più »
accordi prematrimoniali
Lorenzo Cirri

Gli Accordi prematrimoniali

Che cosa si intende per patto prematrimoniale?
È un accordo tra due soggetti prossimi al matrimonio volto a regolamentare la situazione patrimoniale e non solo.

Scopri di più »

19 risposte

  1. Salve,sono la signora bonanno,non sono sposata ma ho convissuto per 10 anni,ho una figlia di 15 anni,mia figlia è stata con me a Palermo per un anno,ma poi è voluta tornare a Caltanissetta,città da dove è nata,perché a Palermo non si trovava bene,dopo la sentenza del giudice che stabilisce i giorni che mi spettavano,il padre non me la fatta venire più,perché non vuole che mia figlia sta con il mio compagno,poi ha rinunciata l’aiuto da me ,io però ho comprato il cellulare ha mia figlia perché non me la faceva sentire,e le compro i vestiti,l’epaid per la scuola,le ricariche per il cellulare,e qualcosa per lei,adesso lui mi manda una lettera da parte del tribunale che vuole 500 euro per il mantenimento di mia figlia,io ho un cud che non supera 7 mila euro,poi è da anni che non passo una festa con mia figlia,è da anni che non mi passo una vacanza con mia figlia,poi mi tiene il cellulare spento e neanche la sento,non so cosa fa,dove và,cosa fa per le vacanze estive,cosa succederà secondo la legge?ha chi devo mantenere se neanche posso stare con mia figlia?

    1. Buongiorno.
      Per “lettera del tribunale” intende un ricorso?
      Lei è obbligata a contribuire al mantenimento di sua figlia anche se sua figlia non la vuole vedere.
      Visto che è stata chiamata in causa e che se la dovessero condannare a 500€ al mese (lei ne guadagna pochi di più) forse è il caso che corra da un avvocato.
      Guardi il mio articolo sul patrocinio a spese dello stato.
      Avv. Cirri

    2. Buongiorno,nel caso di un affidamento esclusivo a me,madre di mia figlia,e ad un assegno mensile di 250 euro che mai arriva se non ogni qualche mese 100 euro,considerando inoltre che il “padre”viene a trovare la figlia di e no 3 volte l anno,cosa dovrei fare per richiedere quantomeno il mantenimento e le spese extra(mai.percepite in 8 anni?)

    3. Buongiorno!
      Direi perché sarebbe l’ora…!
      Questi crediti si prescrivono in 5 anni peraltro…
      Avv Cirri

  2. Il giudice aveva messo sulla sentenza del divorzio che poteva vedere la figlia ma non è stato mai fatto perché lei e sua madre non vuole mio marito non vuole darci più mantenimento perché ci a Donato la casa si può voglio una risposta

    1. Buongiorno,
      non ho capito la domanda.
      Dovrei vedere la sentenza.
      Se non prevede che la donazione sostituisca il mantenimento allora lui rimane obbligato.
      Comunque la domanda davvero non è chiara.
      Avv Cirri

  3. buongiorno avvocato, sono carla, mamma di due bimbi di 3 anni e 18 mesi, da quando son nati i bimbi non ho potuto piu lavorare, la casa è proprietà del padre, cosi sia disoccupata il collocamento prevalente va alla madre? in che casi lo darebbero al padre?

    1. Buonasera.
      Per risponderle ci vorrebbero 10 pagine.
      Ha bisogno di un avvocato….
      A presto.
      Avv cirri

  4. salve. sulla sentenza del tribunale io devo dare un assegno di mantenimento di 600 euro per i miei due figli che dovrebbero stare con la mia ex mogli circa 25 gg al mese. il fatto e’ che con lei non stanno mai perche’ lei lavora o e’ sempre in viaggio di piacere quando non lavora. cosi’ devo tutti i giorni io provvedere a miei spese per il mantenimento dei bambini. cosa posso fare per non versare i soldi che tanto li usa lei per i suoi comodi e non per i bambini?

    1. Buonasera.
      Fare un ricorso ex Art 710!
      Ci sono tutti i requisiti.
      Avv. Cirri

  5. Buongiorno! Se in una separazione consensuale la moglie non vuole l’assegno di mantenimento per sè ma solo per i bambini minori.
    1. Il giudice accetta anche se lei non ha reddito?
    2. In un secondo tempo lei può cambiare idea e chiederlo anche se e sempre senza reddito?
    Grazie!!

    1. Buongiorno
      1) se si dichiara autosufficiente il giudice potrebbe accertarlo
      2) se non variano gli equilibri economici non può

  6. Buongiorno avvocato
    Volevo sapere se il genitore non collocatario deve tenere per forza con sé i figli nei wee end anche se vive in un altra regione

    1. Buongiorno,
      certamente, almeno che tra i genitori non intercorrano accordi diversi.
      Saluto
      Avv. Cirri

  7. Buongiorno avvocato.
    Io sono separato consensualmente dalla mia ex moglie e le passo il mantenimento di mio figlio di 7anni. A Marzo dell’anno scorso mio figlio veniva tranquillamente a casa mia a giocare e dormire. Dopo il lockdown mio figlio non vuole più venire da me(mai successo nulla di grave né nei suoi confronti né i quelli della madre). Premetto che siamo andati d’accordo e posso vederlo quando voglio e tenerlo due weekend al mese. Purtroppo temo che dietro questo suo rifiuto ci sia una manipolazione di sua madre e sua nonna Anzi ne sono certo. Visto che non mi è mai stata perdonata la separazione. Io posso impuntarmi e portare mio figlio a casa mia Comunque anche se entrambi non vogliono?

    1. Buongiorno Marco,

      certo, ritengo che la turnazione debba essere seguita.
      Nel caso in cui abbia dubbi circa il corretto esercizio della responsabilità genitoriale da parte della madre, deve procedere presentando ricorso al Tribunale. Questo valuterà le capacità genitoriali di entrambi tramite apposita Consulenza tecnica d’ufficio.
      Saluti
      Avv. Cirri

  8. Buongiorno, ho una separazione consensuale che prevede un assegno di mantenimento per le mie due figlie di 860 euro e l’accordo prevede anche 2 gg a settimana con il padre 2 we al mese oltre a circa 3 settimane per le vacanze estive ..questo accordo non è mai stato rispettato e si è stabilizzato nei 7 anni con 2 massimo 3 cene al mese .
    Ora chiedo se è possibile addebitare al mio ex coniuge le spese che ho dovuto affrontare in misura superiore a quanto stabilito per provvedere al fabbisogno delle figlie per il suo mancato rispetto di occuparsi di loro.
    Posso includere nelle spese straordinarie al 50% le spese del parrucchiere(100 euro) o dell’estetista essendo 2 ragazze da qualche anno ne stanno facendo sempre più uso e posso addebitare i regali ai loro amici che comunque sono molto ricorrenti e dispendiosi?
    Grazie

    1. Buongiorno,
      no. Le spese straordinarie devono individuarsi sulla base del Protocollo d’intesa adottato dal Tribunale o sulla base delle tabelle del CNF.
      Saluti
      Avv. Lorenzo Cirri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *