Rinunzia e transazione nel diritto del lavoro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
DIRITTO del lavoro
Sei alla ricerca di un avvocato o hai bisogno di maggiori informazioni?
Condividi su
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Indice dell'articolo

Che cos’è la rinunzia? 

La rinuncia è un negozio unilaterale recettizio con il quale il lavoratore rinuncia ad un suo diritto. L’atto di rinuncia può essere scritto, tacito o anche per fatto concludente.

Che cos’è la transazione? 

La transazione invece è un contratto tra le parti mediante il quale il lavoratore ed il datore di lavoro, facendosi reciproche concessioni, pongono fine ad una lite già cominciata o prevengono una lite che potrebbe insorgere e deve avere necessariamente la forma scritta.

Quand’è che la rinunzia e la transazione sono invalide?

La rinunzia e la transazione sono invalide quando hanno ad oggetto diritti indisponibili, ovvero diritti irrinunciabili del lavoratore.

La previsione ha lo scopo di tutelare il lavoratore quale parte debole del contratto, impedendo che sia obbligato dal suo datore di lavoro a rinunciare o a transigere sui suoi diritti.

Tra i diritti indisponibili rientrano, a titolo esemplificativo: diritti posti a tutela della personalità morale e dell’integrità fisica del prestatore di lavoro, diritto al riposo giornaliero, diritto al riposo settimanale, diritto alle ferie, diritto ai permessi, tredicesima e quattordicesima, diritti previdenziali, diritto agli assegni familiari, diritto all’indennità in caso di infortuni sul lavoro e malattie professionali.

Chi può impugnare la rinunzia o la transazione invalida?

L’impugnazione può essere esercitata solo dal lavoratore e non anche dal datore di lavoro.

Entro quale termine?

Il lavoratore può impugnare la rinunzia e la transazione entro il termine di 6 mesi decorrenti dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, anche se risalente nel tempo, o dalla data di compimento dell’atto di rinunzia o di transazione se compiuto dopo la cessazione del rapporto di lavoro.

Come si impugna?

L’impugnazione può essere effettuata con qualsiasi atto scritto dal quale deve emergere in modo chiaro ed inequivocabile la volontà del lavoratore di impugnare l’atto di rinunzia e di transazione e deve essere sempre sottoscritta dal prestatore di lavoro interessato.

Quali rinunzie e transazioni non possono essere impugnate?

Il lavoratore non può impugnare le rinunzie e transazioni avvenute avanti al Tribunale o avanti la Direzione Provinciale del lavoro oppure in sede sindacale.

Quand’è invece che si parla di quietanza a saldo?

L’atto di quietanza è la semplice dichiarazione rilasciata dal lavoratore di non aver più nulla a pretendere dal datore di lavoro perché ha già percepito quanto a lui dovuto.

Essendo una semplice manifestazione dell’opinione del lavoratore non ha valore di rinuncia o di transazione, ed il prestatore di lavoro non è quindi tenuto ad impugnarla nel termine decadenziale di sei mesi ma può proporre azione giudiziaria per il soddisfacimento dei crediti che ritenga ancora esistenti nel normale termine prescrizionale dei crediti da lavoro.

Se sei interessato all’argomento per approfondimenti puoi leggere anche:

Tutela del lavoratore: reintegrazione o riassunzione – a cura dell’avvocato Lorenzo Cirri

Impugnare il licenziamento – a cura dell’avvocato Lorenzo Cirri

Il datore di lavoro non ti ha pagato le ultime tre mensilità e il TFR? – a cura dell’avvocato Lorenzo Cirri

Sei alla ricerca di un avvocato o hai bisogno di informazioni?
Contatta lo studio dell’Avvocato Cirri per un appuntamento conoscitivo o invia un’email a avvocato@lorenzocirri.it.

Articoli correlati

Diritto agli alimenti

Dobbiamo preliminarmente rifuggire dall’ erronea assimilazione in cui si incorre nella prassi tra assegno alimentare e assegno di mantenimento. Si tratta infatti di istituti di natura giuridica diversa, con presupposti, funzioni e criteri di quantificazione diversi.

Scopri di più »

La pensione di reversibilità

La pensione di reversibilità̀ è una prestazione economica diretta erogata in favore dei familiari dei superstiti. L’erogazione di questa pensione decorre dal primo giorno del mese successivo al decesso del pensionato (la data in cui è stata fatta la domanda è irrilevante).

Scopri di più »

2 risposte

  1. Si ho 6 mesi per impugnare la transazione di 100€lorda ma se non lo sapevo che l’avevo firmata come facevo a impugnarla? Ho vinto la causa in parte

    1. Caro Leonardo,
      se il datore ha utilizzato artifizi o raggiri o altro inganno per farLe firmare la rinunzia, può richiedere a mezzo di un avvocato specializzato l’annullamento della transazione.
      Cordialmente

      Avv. Lorenzo Cirri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *