Assegno di mantenimento: Sospensione o riduzione quando figli sono in vacanza

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
DIRITTO DI FAMIGLIA, SEPARAZIONE E DIVORZI
Sei alla ricerca di un avvocato o hai bisogno di maggiori informazioni?
Condividi su
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Indice dell'articolo

Può essere sospeso l’assegno di mantenimento ad Agosto se i figli sono con il genitore obbligato?

Il mantenimento deve essere corrisposto anche per il periodo durante il quale la prole è in vacanza, o comunque permane per un lungo periodo, col genitore obbligato al relativo versamento. E’ quanto stabilito della Corte di Cassazione (Corte di Cassazione Sez. I Civile, sentenza del 8 settembre 2014, n. 18869) e confermato nelle recenti pronunce di altri importanti Tribunali, tra i quali Milano (sentenza 1 Luglio 2015). Nella la citata pronuncia, il Tribunale ha esaminato la questione del pagamento dell’assegno mensile relativo al mese di agosto, nel caso di specie il padre aveva espressamente richiesto di essere esonerato dal versamento, trattandosi del periodo in cui la figlia trascorre con lui le vacanze estive.

L’importo del mantenimento viene stabilito su base mensile o annua?

Il Giudice della Famiglia, nel regolare la contribuzione del genitore non convivente, “stabilisce una somma astratta in un’unica soluzione, quantificandola, sostanzialmente in moneta”. Il pagamento rateale o frazionato è stabilito con lo scopo di agevolare il debitore al puntuale rispetto dell’onere imposto, trattandosi di un onere rilevante. In pratica, il genitore non collocatario è tenuto a versare all’altro, ogni anno e in via anticipata, seppure suddiviso in 12 rate, l’importo annuale calcolato dal giudice. Per queste ragioni non è possibile ridurre, né tantomeno saltare, alcuna mensilità, nemmeno il mese di agosto, a nulla rilevando la circostanza che in quel determinato periodo egli coabiti con la prole. La giurisprudenza lo conferma quando sostiene che il genitore non affidatario non può ritenersi sollevato dall’obbligo di corresponsione dell’assegno per il tempo in cui i figli, in relazione alla modalità di visita disposte dal giudice, si trovino presso di lui ed egli provveda in modo esclusivo al loro mantenimento (Cassazione 18869/2014). Del resto, il contributo non costituisce il “mero rimborso delle spese sostenute” dal genitore nel mese corrispondente, ma “la rata mensile di un assegno annuale determinato” in base alle esigenze della prole.

In quali casi è possibile ridurre o sospendere il contributo di mantenimento?

Per ulteriori approfondimenti ti consigliamo anche la lettura dei seguenti articoli, che trovi nel sito:

Assegno Divorzio: Revisione e Revoca

Sei alla ricerca di un avvocato o hai bisogno di informazioni?
Contatta lo studio dell’Avvocato Cirri per un appuntamento conoscitivo o invia un’email a avvocato@lorenzocirri.it.

Articoli correlati

Gli Accordi prematrimoniali

È un accordo tra due soggetti prossimi al matrimonio volto a regolamentare la situazione patrimoniale e non solo, nell’eventualità di una futura e irreparabile crisi coniugale

Scopri di più »
accordi prematrimoniali
Lorenzo Cirri

Gli Accordi prematrimoniali

Che cosa si intende per patto prematrimoniale?
È un accordo tra due soggetti prossimi al matrimonio volto a regolamentare la situazione patrimoniale e non solo.

Scopri di più »

180 risposte

  1. Salve avvocato le pongo una domanda. Ho un provvedimento di un giudice secondo il quale ha collocato mia figlia di 15 anni da me, ma di fatto vive col padre, il quale l’ha plagiata per non versare il mantenimento. Infatti sono 13 mesi che non versa lo versa. A questo punto mi chiedo, mi spetta comunque il mantenimento? Grazie!

    1. Buongiorno,
      che significa che la ha plagiata e quindi non versa il mantenimento?
      Avv Cirri

    2. Sto vivendo una situazione simile, non mi versa la quota di un figlio perché promette ( con i soldi del mantenimento) di tutto di più. Mi ha fatto un bonifico a metà perché lo ha deciso lui! Procedo legalmente perché la bambina ha dodici anni . È scioccante cosa può fare la mente malata di un uomo pieno di rabbia.

    3. Buonasera Rosa,
      sul mio sito trova un articolo su come fare per i mantenimento non pagati e su come fare.
      A presto
      Avv Cirri

    4. Salve avv. mi può dare una delucidazione in merito a questa situazione che mi ritrovo :
      Mio figlio 22 anni lavora con contratto di formazione da tirocinante a termine 12 mesi con guadagno che varia da 350/500€ Mensili in base alle ore che svolge tutto documentato ovviamente. Il mio ex mi ha inviato tramite il suo legale una negoziazione assistita dove dicono che mio figlio ha acquisito indipendenza economica ,io accetterò con il legale di fiducia ad andare all incontro , ma posso rifiutarmi di accettare le loro condizioni? Attualmente il mantenimento e’di 230€
      Grazie del riscontro.
      Distinti Saluti

  2. Gentile avvocato allora mi chiedo perché a mio marito è stato aumentato l’assegno per il figlio avuto con la ex moglie da 350 a 353 e spiccioli nonostante abbiamo una bimba nata da due anni? È nonostante abbiamo portato le prove che la ex moglie oltre al suo lavoro regolare fa anche lavori di sartoria al nero???

    1. Buonasera,
      parrebbe che ci sia da richiedere una riduzione dell’assegno di mantenimento al giudice!
      Di dove siete?
      Avv Cirri

  3. Salve avvocato vorrei una spiegazione. Il figlio di mio fratello vive con la madre e mio fratello versa mensilmente 400 euro. Sono in regime di affidamento condiviso. Ora il figlio ha 17 anni ed stato in modo permanemte portato in una struttura convenzionata per problemi di tossicpdipendenza. Deve continuare mio fratello a versare l’assegno di mantenimento visto che non si trova più presso la madre e ci resterà presumibilmente fino alla maggiore età. Nella sentenza di divorzio è stato stabilito che l’ assegno è esclusivamente per il minore e non per la madre in quanto lavora. Grazie

    1. Buongiorno,
      l’assegno è dovuto fin tanto che lui non sarà economicamente auto sufficiente.
      E comunque andrà fatto ricorso al giudice.
      Avv Cirri

    2. Salve avvocato volevo chiederle, io percepisco un assegno di mantenimento per mia figlia da circa 4 anni. Di 250€ mensili. Io e suo padre siamo solo stati conviventi, all epoca della sentenza avevo brevi contratti a termine. Ora sono indeterminata partime da neanche un anno. Da quando ha saputo che ho il contratto fisso mi ha detto che mi vuole diminuire l assegno. Io percepisco circa 500€ al mese e ho un affitto da pagare. E una nuova convivenza. Lui a differenza mia vita agiata. In tutto. Lo può fare ?! Grazie

    3. Federica buonasera
      No. Non lo può assolutamente fare.
      Prima deve fare ricorso al giudice e solo se il giudice ridurrà l’assegno potrà ridurre i versamenti.
      Avv. Cirri

  4. Gentile avvocato gli vorrei chiedere un consiglio io sono divorziato dal 2003 ho versato a mia figlia 500 euro mensili fini a tre anni dopo di comune accordo gli ho dato solo 300 euro al mese lei adesso a 26 anni anche quando a trovato ho gli o trovato lavoro io li ho sempre versati anche se quando lavorava per 3-5 mesi prendeva 1200 euro io sono sposato da 2 anni con 2 bambini uno di 9 l’altro di 4 lei adesso a trovato lavoro per 6 mesi e prende 600 euro devo ancora dargli gli alimenti grazie

    1. Buonasera
      Gli alimenti non sono il mantenimento.
      Sono due cose diverse.
      Se sua figlia è stata economicamente autosufficiente per un periodo congruo ha perso il diritto al mantenimento.
      Anche se poi perde il lavoro.
      Ma dovete fare ricorso al giudice per modificare la cosa!
      Non potete smettere di pagare e basta.
      Buona domenica.
      Avv. Cirri

  5. Buongiorno, ho saputo che mio figlio passerà tutte le vacanze estive con me, dalla fine della scuola fino a fine agosto, praticamente tre mesi.
    Dato che per tre mesi interi lo terrò con me e, quindi, lo manterrò in tutto e per tutto, posso non versare l’assegno di mantenimento solamente per questo periodo?
    Non mi sembra corretto pagare un mantenimento al minore se lo stesso sta con me e non con la madre anche perchè così manterrei la madre nonostante lavori.
    Grazie
    Fabio

    1. Buonasera,
      no…non può!
      Lo dice costante giurisprudenza.
      Il buon senso direbbe però, visto che sono ben tre mesi, forse possiate trovare un accordo…..
      Avv Cirri

  6. Avvocato salve.

    Sono separato, consensualmente, verso per due figli di 16 e 11 anni 750 euro mensili, la madre lavora ed è autosufficiente.
    La figlia di 16 anni partirà a breve per una borsa di studio annuale all’estero. Visto che la stima dell’assegno mensile è stata fatta considerando le singole voci di spesa (vitto, vestiario, trasporti, etc) e che per un anno tali spese saranno in gran parte ridotte (vitto, abitazione, libri etc pagati dall’Ente che sponsorizza la borsa di studio) posso chiedere, con qualche speranza di successo, una riduzione temporanea dell’importo dell’assegno? mi darebbe ovviamente molto fastidio che la mia ex moglie utilizzasse il denaro destinato al mantenimento dei figli per suoi scopi personali.

    Grazie,

    -Vincenzo

    1. Buonasera,
      si..direi di si.
      Ma comunque dovrei vederla e farle varie domande per darle un risposta più precisa.
      Avv Cirri

    2. Buongiorno, io ricevo dal mio ex-marito 250 euro mensili per il mantenimento di mia figlia che dovrà fare anche lei un anno all’estero con vito e alloggio pagato dall’ente. Il mio ex-marito pretende che io rinunci all’assegno di mantenimento e che dividiamo tutte le spese. Io ho proposto di girarle l’intero assegno e dare al mio ex-marito copia del bonifico per dimostrare che il denaro è interamente destinato a nostra figlia. Potrei sapere se la proposta di mio marito è prevista dalla legge? Io so che non posso rinunciare all’assegno di mantenimento della ragazza.

    3. Buongiorno
      La proposta di suo marito è priva di ogni fondamento.
      Deve continuare a pagare finché non c’è un provvedimento diverso del giudice.
      Avv. Cirri

  7. Salve avvocato, volevo chiederle, se il mio compagno è tenuto a dare il mantenimento dei due figli minorenni alla sua ex moglie, visto che lei guadagna il doppio di lui? Da premettere che abbiamo un bimbo di 4 mesi

    1. Buonasera,
      impossibile darle un parere sulla base di due righe.
      Perchè non gli dice di venire in studio o di sentire un altro matrimonialista?A presto
      Avv Cirri

  8. BUONASERA AVVOCATO SONO UNA RAGAZZA DI 20 ANNI ED I MIEI SONO SEPARATI GIà DA 9 ANNI .CON IL TEMPO HOP SMASSO LA SCUOLA ED HO FATTO UN CORSO DI FORMAZIONE DI DUE ANNI. MIO PADRE VERSA TUTTI I MESI UN ASSEGNO DO 250 EURO AVENDO UNO STIPENDIO ABBASTANZA PIU ALTO.
    ADESSO CHE LAVORO DA APPRENDISTA HO UN GUADAGNO DO 480 EURO IL MESE . LO VUOLE DIMEZZARE E SA CHE ANDANDO DAVANTI AD UN GIUDICE SICURAMENTE LO DIMEZZANO A 125 AURO.

    MIO PADRE PUO’ DIMEZZARE L’ASSEGNO O NO ?

    GRAZIE IN ANTICIPO

  9. Gentile avvocato ,il mio ex marito versa per mia figlia un assegno di 600 euro .Per 6 mesi vorrebbe frequentare l’anno scolastico in Spagna ,l’assegno verrà regolarmente versato ???Grazie

    1. Buonasera
      Certo!
      L’assegno di mantenimento non può essere sospeso.
      Nemmeno se passa l’estate col padre!
      Avv. Cirri

    2. Mi scusi ma a tal proposito mi domando : e tutte le spese sostenute all estero a carico di chi sono? Il padre versa L assegno di mantenimento per 6 alla madre mentre il figlio vive E studia all estero? E le spese sostenute in Spagna sono da considerarsi extra ? Inaccettabile sostenere 6 mesi di spese extra e dare il mantenimento al genitore con cui il figlio non vive ma immagino paghi affitto e spese varie in Spagna! Senza dubbio fossi il padre ricorrerei al giudice per sospensione temporanea!

    3. Buonasera
      Sospensione o riduzione.
      Ma il ricorso costa di più!
      E andrebbe analizzata prima la situazione per vedere se ha fondamento.

  10. Salve avv. volevo un informazione cortesemente il mio ex mi versa 230€ Compreso di tutte le spese extra di mantenimento per un figlio 22 enne attualmente sta facendo una formazione come tirocinante e prende un rimborso tra 350/500€ in base alle ore che svolge, si sta pagando da solo la patente e vuole farsi un corso di lingua per approfondire il lavoro che vuole intraprendere . Il mio ex mi ha inviato un da parte del suo legale un invito alla negoziazione assistita perché dice che indipendente autonomo , adesso non so’se vuole abbassare il mantenimento oppure addirittura togliermelo . Ma posso eventualmente rifiutarmi quando mi presento all incontro? Oppure se mi manda a chiamare in tribunale rischio di perdere e rimetterci le spese? Mio figlio e’con me 365 giorni L anno andiamo in tribunale . Grazie per il suo riscontro e suggerimento

    1. Buonasera
      Con quello stipendio non è certo economicamente indipendente.
      L’assegno è già basso!
      Soprattutto se sta sempre con lei!!!
      Secondo me lui consigliato MALISSIMO!
      Almeno sulla base di quello che mi scrive.
      Cordialità
      Avv. cirri

    2. Buon giorno avv. e grazie per la risposta . Allora io al momento dell incontro posso rifiutarmi al loro accordo? Oppure si può ripercuotere sul mio conto se andiamo davanti al giudice? La ringrazio per la delucidazione

    3. Se la proposta è l’eliminazione dell’assegno di mantenimento le conviene certo rimettere la decisione al giudice.
      Avv. Cirri

  11. Scusi avv. allora posso stare tranquilla? Nel senso posso rifiutarmi? Il contratto e’da tirocinante extracurricolare ! (In merito al messaggio precedente)

    1. Buonasera
      Io le rispondo sulla base di quel poco che mi ha scritto.
      Se non ci sono altri aspetti importanti che ribaltino la situazione, allora direi che non può certo accettare la loro proposta di eliminare l’assegno di mantenimento.
      Avv. Cirri

    2. Ok , grazie
      A questo punto mi rifiuto anche se vuole abbassarmelo il mantenimento già mi da poco ! Grazie tanto per il parere

    3. Mi scusi ancora avv. un ultima informazione ,nel momento in cui accetto di fare la convezione quanto tempo deve passare per L incontro? E quanti incontri ci possono essere? Esempio se io al primo incontro dico non accetto L accordo attualmente, ma voglio aspettare se c’è il rinnovo del contratto si può aspettare? Se manca circa 1 mese ? Vengono conteggiati anche i festivi, festività natalizie? La ringrazio in anticipo

    4. Buongiorno
      Dalla firma della convenzione deve passare minimo un mese e per la definizione massimo tre salvo rinvio.

    5. buona sera avv. mi scusi una domanda dato che ho L incontro in settimana , ma se io non accetto e non firmo L accordo com e’la prassi successiva? Siamo obbligati ad andare dinanzi al giudice? Nonostante non ci siamo variazioni. Di redditi nostri? Ma solo mio figlio come stagista? Buona serata e grazie sempre dei suoi utili consigli

    6. Mi scusi avv. la settimana prossima con il legale per accettare la situazione , comunque avrei preferito lei per L esperienza in merito ! Peccato per la lontananza ! Comunque grazie di tutto . Veramente gentilissimo

    7. La ringrazio per la fiducia!!!
      Ma il collega conosce meglio di me la pratica è la situazione economica.
      Quindi (oltre a non poter intervenire) le direi magari cose sbagliate!
      Se fossimo stati più vicini la avrei seguita più che volentieri.
      Mi faccia sapere come va!

  12. Buon giorno avv. una curiosità in merito ad un invito obbligatorio alla negoziazione assistita : in caso di mancato accordo c’è rischio di penale? Può essere utilizzato in giudizio? Che succede? Se non ci si trova un punto d’incontro? Anche senza lite . Grazie in anticipo

    1. Buongiorno
      Non aderire alla negoziazione assistita non è certo reato!!!
      Se non trovate un accordo deciderà il giudice.
      Come sempre…
      Da dove mi scrive?
      Avv. Cirri

    2. Buongiorno avvocato ho una figlia di 8 anni e andrò in vacanza con la bambina la mia ex compagna vuole lo stesso il mantenimento malgrado la bambina sta con me . Non siamo mai stati sposati è in piu ho mantenuto il figlio suo per piu di 10 anni

  13. Gentile avv. volevo un parere, sono divorziato da 7anni verso regolarmente un mantenimento di 280€. Compreso di spese extra per figlio di anni 24 . Attualmente la mia ex e’andata a convivere con il nuovo compagno (L anno prossimo si sposano) posso chiedere una revisione del mantenimento? Il figlio lavora da 2 mesi con contratto apprendistato di €500, non verso il mantenimento per L ex . Ma dato che economicamente il nuovo compagno e’ benestante il giudice ne tiene conto? Reputa che ci sono i presupposti di modifica ? Grazie per il riscontro

    1. Buongiorno
      Se il nuovo compagno è benestante rileva solo per l’assegno alla ex moglie.
      Ma lei non lo versa.
      Per quello al figlio può chiedere una riduzione!
      Da dove mi scrive?

    2. Io scrivo da Roma , secondo lei ne vale la pena richiedere la riduzione? Io guadagno 1200€ e verso 280€ compreso tutto ! Di Quanto potrebbe essere la riduzione? Grazie

    3. Buonasera,
      la cifra è già bassa se comprende le spese extra.
      Ma i fattori da prendere in considerazione sono tanti….
      Avv Cirri

  14. Buon giorno avv.
    Com e’la prassi per togliere definitivamente il mantenimento per una figlia di 25 anni con contratto a tempo indeterminato. Devo aspettare L udienza? Prima di annullarlo? Grazie

    1. Buongiorno,
      deve aspettare che sia il giudice a stabilire che l’assegno non è più dovuto.
      Cordialità.
      Avv Cirri

    2. Ma in questi casi se la madre e’d’accordo conviene fare la negoziazione assistita ? Si può fare? O conviene sempre avere il parere del giudice? Quanto può costare fare una negoziazione e fare in udienza in tribunale? Grazie

    3. Buonasera
      Cosa intende per “conviene”?
      La consensuale è la negoziazione di solito hanno lo stesso prezzo.
      Perché non fissa un appuntamento?
      Avv. Cirri

    4. Intendo a livello di costi se conviene fare la negoziazione se lei e’in accordo oppure andare direttamente dinanzi al giudice .

    5. Buondì
      Se c’è accordo costa meno (sua che facciate negoziazione assistita o separazione consensuale “davanti al giudice”)!
      La separazione giudiziale costa il doppio.

  15. Salve avv. vorrei sapere ,
    Secondo lei è troppo versare per una figlia 23enne (contratto apprendistato con guadagno 500€ mensili per 12 mesi ) io verso 260€ comprese di spese extra e vive costantemente con la madre guadagno 1250€ mentre la madre guadagna sui 1000€ . Volevo sapere se va bene , oppure quanto dovrebbe essere per un figlio maggiorenne? Grazie per L attenzione

    1. Buonasera
      Il calcolo della somma dipende da mille fattori.
      Di sicuro il ribasso sarebbe talmente irrisorio da non valere la pena di fare un ricorso che costerebbe di più.
      Avv. Cirri

  16. Buona sera avv. un informazione , dato che ho fatto su suggerimento del mio avv. la negoziazione assistita tra avvocati per togliere il mantenimento a mio figlio 24 anni lavoro 600€ mensili con contratto apprendistato per 6 mesi io verso alla mia ex 260€ e guadagno 1300€ ovviamente c’è stato un mancato accordo poiché non c’è un bel rapporto con la ex . Adesso vorrei un consiglio, conviene procedere, se si come, oppure non insistere per mancanza di requisiti.
    Grazie per la risposta

    1. Buon giorno L accordo firmato L anno scorso ma non lavorava dinanzi al giudice tra cui io versavo 250€ e il giudice ha scelto 260€ ,adesso sono 3 mesi che lavora, abbiamo fatto la negoziazione ma non c’è stato accordo,ma si e’presentata all incontro 15g. Fa’ .grazie

    2. Mi scusi ancora avvocato, ma adesso una volta chiusa in negativo questa negoziazione . Io se scelgo di andare dinanzi al giudice devo rifare tutto? E non posso citare che già abbiamo tentato di negoziare? Sono due cose separati, rischio di pagare i costi della causa ? Cosa ne pensa?

    3. Buongiorno
      Se le condizioni economiche di uno o di entrambi i coniugi sono diverse da quelle che erano al momento della negoziazione può chiedere al giudice la revisione delle cifre.

    4. No avvocato le condizioni di entrambi coniugi sono sempre le stesse non cambiate sia quando abbiamo fatto la prima revisione e sia durante la negoziazione e’cambiato solo che mio figlio adesso lavora con apprendistato e volevo togliere il mantenimento, dato che L avv. ha detto si ci sono i requisiti facciamo la negoziazione ! Dato che sapevo che mi diceva già no , ho speso solo soldi . Quindi per questo volevo un parere se conviene e se si può togliere il mantenimento, perché è inutile spendere sempre soldi. Grazie infinito attendo un suo consiglio e parere se può . (Preferisco anche sapere se sto sbagliando che non si può fare. Perché non è ancora indipendente) . Grazie

    5. Mi scusi avv. ma di quale accordo intende lei quello del giudice? Perché potevo anche rifiutare di firmare la negoziazione ? La negoziazione si è chiusa con mancato accordo Grazie

    6. Salve avv. mi spiego meglio L anno scorso abbiamo fatto L udienza e il giudice decise che dovevo versare 260€ comprese di spese extra, la mia ex non si è voluta accordare tramite negoziazione ass. si è presentata e ha detto non voglio che venga tolto il mantenimento, piuttosto lo deve togliere il giudice adesso io volevo sapere se potevo fare ricorso e veniva preso in considerazione , ma la situazione economica non è cambiata per entrambi , solo che mio figlio lavora con contratto extracurricolare formativo con paga di 600€ per 6mesi . Adesso volevo sapere se conviene farla poiché ho speso già tanti soldi per la negoziazione senza ottenere niente. La ringrazio tanto per il consiglio (sono disperato)

  17. In caso di querela archiviata , nel casello giudiziale e’presente questa denuncia? Anche se archiviata? A livello penale , risulta? Grazie

    1. Buonasera
      Dovrebbe chiedere a un penalista.
      Per quel che so io dipende da chi fa la ricerca.
      La Polizia per esempio vede tutti i procedimenti.
      Avv. Cirri

  18. Gentilissimo avv. buon giorno volevo chiedere un informazione , volevo sapere in merito ad un reclamo ricevuto da parte di un utente.
    Ha descritto una situazione in cui non a per niente ragione e sottolinea un evento che non ero presente in servizio .
    Volevo sapere se ciò viene preso in considerazione dal datore di lavoro . Posso io fare una denuncia alla persona per danno all immagine e alla professione? Se ho tutte le prove? Grazie per il riscontro

    1. Buongiorno,
      può essere preso in considerazione dal datore di lavoro per l’adozione di un’eventuale sanzione disciplinare.
      Ovviamente Lei sarà messa in grado di difendersi e dimostrare l’infondatezza delle accuse dell’utente.
      Qualora Le venisse irrogata una sanzione disciplinare, potrebbero esserci dei margini per una richiesta risarcitoria.
      Cordialmente

      Avv. Lorenzo Cirri

  19. Grazie Avv. Della risp. Ma una volta che faccio le mie controdeduzione e l azienda non prende provvedimenti verso il mio conto io posso denunciare per diffamazione la persona? Anche perché la data che cita L utente io non ero in servizio ero in ferie. Cordiali Saluti

    1. Buongiorno
      Non sono un penalista e quindi in so dirle se l’evento configura resto.
      Mi spiace!
      Avv. Cirri

  20. Buon giorno avv.
    volevo sapere com era la prassi e cosa fare in caso che io non voglia sapere più niente di mio padre (visto che sono stata abbandonata da piccola e dopo tanti anni si è fatto vivo) se lui un domani ha bisogno io non voglio essere chiamata da parte degli assistenti sociali per qualsiasi cosa. Visto che lui è sparito per 15anni. Grazie

    1. Buongiorno
      Va fatto un ricorso in tribunale.
      La procedura è piuttosto semplice.
      Io ne ho già fatte.
      Da dove mi scrive?
      Avv. Cirri

    2. Buongiorno
      Dipende dall’avvocato e dalla mole di lavoro
      Qualche migliaio di euro penso.
      Avv. Cirri

  21. Buona sera avvocato una cortesia , secondo la sua esperienza quanto dovrei versare per una figlia maggiorenne che guadagna 600€ al mese lavoro precario apprendistato per 12 mesi ? Intendo comprese di spese straordinarie . Io guadagno 1250€ .
    Grazie dell attenzione (intendo anche approssimativamente)

    1. Buongiorno
      Non posso rispondere con così poche informazioni.
      Va valutato il tenore di vita, le spese che ha, i redditi della madre, cosa dice un eventuale provvedimento esistente, in che situazione economica è stato emesso, se sono cambiate le cose, etc…
      Casomai mi telefoni.
      A presto
      Avv. Cirri

    2. Grazie avv. una domanda ma eventualmente fanno capito solo i redditi della mia ex? No di chi vive in famiglia? Ad esempio con lei vive la mamma e il padre , in questi caso il giudice non prende in considerazione i redditi di pensione di quest ultimi? Oppure solo quelli della ex che prende circa 1100€ , nella vecchia sentenza ossia 2 anni fa quando non lavora mia figlia il giudice stabilì 270€ , adesso non so se potrebbe essere risolutivo o meno , non vorrei spendere soldi inutili sinceramente ! Io non verso niente di più di 270€ e mia figlia sta sempre con la madre . Secondo lei conviene? O no . La mia situazione economica non è mai cambiata , la mia ex e’a tempo determinato e non supera 1100€.
      Infinite Grazie

  22. Buonasera avv. un consiglio di come comportarmi , grazie in anticipo:
    Mio figlio ha deciso di andare a vivere da solo con la compagna , in mia insaputa si è messo d’accordo con il padre per farsi versare il mantenimento.
    Adesso io come posso tutelarmi per evitare che appena mio figlio diventi indipendente economicamente , il mio ex mi invia qualche comunicazione del tribunale dicendo di togliermi il mantenimento? Come posso estraniarmi da tutto? Vorrei tutelarmi Per non incorrere a spese? Grazie
    A me va più che bene,solo che non vorrei più avere a che fare con niente

    1. Buongiorno
      Loro non posso accordarsi per fare cose non previste dal divorzio.
      Se il ragazzo vive da solo ed è autonomo economicamente vengono meno i requisiti per il mantenimento.
      Ma il padre non può smettere di pagare e deve prima rivolgersi al giudice.
      Da dove mi scrive?
      Avv. Cirri

    1. Buongiorno
      Se ha i requisiti si!
      Legga bene il mio articolo ….
      Va fatto comunque ricorso al giudice!
      Avv. Cirri

    2. Buona sera io lavoro con contratto apprendistato 500€ mensili, solo che mia madre si è scocciata di pagare il legale perché continuamente vuole togliere il mantenimento , infatti L anno scorso non versava più L altro mantenimento a mia madre , ma direttamente a mio fratello che lavorava a Londra senza prendere accordi con lei lui L ha versato a mio fratello poi quando ha saputo che mio fratello era a tempo indeterminato ha mandato una lettera dal tribunale dicendo di. In volere versare più il mantenimento , quando hanno fatto L udienza e mia madre ha presentato tutto ciò che dimostrava che non percepiva lei il mantenimento il giudice ha detto vabbè però L ha versato e per lei non è cambiato niente solo che ha speso altri soldi per il legale. Quindi dice che. Non vuole saperne niente

    3. Buongiorno
      Mi sembra molto strano che il tribunale abbia deciso così!
      Il pagamento del mantenimento dato al figlio direttamente, senza che lo dica un provvedimento del giudice, è come se non fosse mai avvenuto.
      Da dove mi scrive?
      Avv. Cirri

    4. Salve avv. la ringrazio per la risp. Quindi avv. come motivazione posso mettere che mia madre e’stanca di ricevere continuamente lettere da legali? Quindi vorrebbe che fossi io a gestire? Dando ovviamente il mio contributo in casa ? Grazie del suggerimento

    5. Buongiorno
      Mettere motivazione dove?
      L’eventuale causa va gestita su argomentazioni legali e non di stanchezza…
      Mi faccia sapere.
      Avv. Cirri

  23. Gentile avv. dato che mio figlio e’diventato economicamente indipendente io glielo riferito al padre che mi versa regolarmente il mantenimento . Come fare per togliere dal mantenimento il figlio senza spendere altri soldi di udienze? Cosa consiglia? Grazie

    1. Buongiorno,
      la regola vorrebbe che il tutto passasse dal tribunale con un nuovo ricorso (anche consensuale).
      Per i figli nati fuori dal matrimonio può bastare una scrittura
      Avv Cirri

  24. Buongiorno avv. prima di fare udienze su udienze volevo un informazione :
    Quali sono i requisiti per dimostrare indipendenza economica di un figlio dinanzi al giudice? E quindi di toglierlo definitivamente il mantenimento e no semplicemente abbassarlo di 50€ . Grazie

  25. Buongiorno avvocato ,
    Quanti incontri per la negoziazione assistita bisogna fare? Anche se non si è d accordo per la richiesta? Grazie

    1. Buongiorno,
      non c’è un numero massimo ma solo un tot di mesi massimi entro cui trovare l’accordo.
      Cosa intende per “Anche se non si è d accordo per la richiesta”?
      Avv Cirri

    2. Buongiorno intendo che non sono d’accordo a ciò che loro vogliono offrirmi ! Quindi io posso già dal primo incontro dire che non sono d’accordo e non richiedere altri incontri? Grazie

  26. Buona sera avvocato le chiedo gentilmente un consiglio: Ho 24 anni appena compiuti mia madre percepisce mantenimento di 260€ io lavoro con contratto a termine Da stagista con prossima scadenza senza rinnovo 550€ mensili ,mio padre vuole togliermi il mantenimento perché dice che sono economicamente autosufficiente . Volevo sapere se lui presenta ricorso in tribunale dimostrando questo contratto viene respinta la domanda se il giudice trovo opportuno oppure dobbiamo fare lo stesso la causa , non abbiamo tante possibilità ! Grazie filippo

    1. Filippo buonasera
      Il ricorso lo perde
      Chi è mai riuscito a essere autonomo con 550€ al mese??
      Se poi è pure in scadenza!
      Per essere certo però andrebbero esaminati vari fattori….
      Da dove mi scrive?
      Avv. Cirri

      Ps. In giudizio dovete assolutamente costituirvi e difendervi

    1. Buongiorno
      Significa entrare a far parte dell’eventuale processo.
      Per far valere i vostri diritti.
      Arrivederci
      Avv. Cirri

  27. Buongiorno avvocato !
    Quando si parla di indipendenza economica di un figlio?
    Il giudice tiene conto qualsiasi lavoro?
    Apprendistato,stagista,determinato …
    da quanto reddito?
    Da 500€ in poi?
    Mia figlia lavora con apprendistato 6 mesi 600€ mensili , conviene fare una causa per togliere il mantenimento? Oppure viene respinta? Secondo la sua esperienza? Mia figlia ha 24 anni e verso 260€ compreso tutto. Grazie per la risposta

    1. Buongiorno,
      non esiste una cifra (anche perchè la vita a Aosta non costa come in una piccola città di provincia).
      600 forse sono comunque pochi per una autonomia definitiva perchè è a tempo…
      Ma va valutato caso per caso.
      Da dove mi scrive?
      Avv Cirri

  28. Buona sera avv. sono divorziata percepisco il mantenimento di 270€ per un figlio 23 anni che lavora con apprendistato 500€ mensili per 6 mesi , il padre ha voluto fare la negoziazione assistita per togliere il mantenimento ed io mi sono rifiutata (impossibile vivere con 500€ ma a lui non interessa) adesso lui mi fa ci rivedremo in tribunale, ma può fare una scelta del genere? Oppure dopo mi ritrovo i costi delle udienze solo io? Se perdo? Secondo la sua vasta esperienza ho sbagliato? Grazie (gli ho lasciato il contratto di lavoro ,così deve presentarlo al giudice)

    1. Rifiutata nel senso che mi sono presentata e detto che non ero d’accordo alla sua scelta.

    2. Buongiorno
      €500 non danno certo l’indipendenza economica!
      Assolutamente.
      Lei però deve farsi assistere da un avvocato.
      Sulle spese processuali non penso che verrà condannata a pagare quelle di controparte perché l’assegno non verrà eliminato.
      Magari ridotto!
      Nella peggiore delle ipotesi dovrà pagare il proprio avvocato.
      Ma il tutto glielo dico in podo molto indicativo!!
      A presto

      Avv. Cirri

  29. Buonasera Avv. Cirri
    Io mi sono separata a luglio 2018 alla prima udienza davanti al presidente ed era stato stabilito il mantenimento di di €700 di cui €500per i 2 bambini 3e 6anni e 200€ a me. I 200€ a me sono stati tolti ingiustamente dalla corte di appello, dichiarando che io stessi lavorando quando poi non era vero.
    Mantenimento ai bambini €125 sulla somma di 500,dichiarando che il figlio più grande stava da lui. Ho fatto 2 querele di cui una è stata archiviata, sostenendo dal giudice che era una situazione che si poteva svolgere in sede civile e non penale.
    Precetto fatto, automaticamente mi è stata fatta opposizione e ricorso sostenendo sempre che i figli stessero da lui e quindi non era tenuto al mantenimento. Prima della separazione aveva concepito un altro figlio con un’altra personae successivamente alla separazione è nato(addebitandomi anche la causa di separazione)
    Comunque per un anno e mezzo ha versato 125€
    Ha fatto la riduzione di mantenimento da 500€ a 350€ sempre con 2 figli piccoli e il giudice ha accettato.
    Lui ha chiuso la ditta nel frattempo per non pagare e ha dichiarato di essere senza lavoro cosa che non è assolutamente vera.
    Io non lavoro e non ho un reddito mio.
    Scusatemi se mi sono dilungata troppo ma ho cercato di farla capire il più possibile.
    Cordiali saluti

  30. Buonasera Avv. Cirri
    Io mi sono separata a luglio 2018 alla prima udienza davanti al presidente ed era stato stabilito il mantenimento di di €700 di cui €500per i 2 bambini 3e 6anni e 200€ a me. I 200€ a me sono stati tolti ingiustamente dalla corte di appello, dichiarando che io stessi lavorando quando poi non era vero.
    Mantenimento ai bambini €125 sulla somma di 500,dichiarando che il figlio più grande stava da lui. Ho fatto 2 querele di cui una è stata archiviata, sostenendo dal giudice che era una situazione che si poteva svolgere in sede civile e non penale.
    Precetto fatto, automaticamente mi è stata fatta opposizione e ricorso sostenendo sempre che i figli stessero da lui e quindi non era tenuto al mantenimento. Prima della separazione aveva concepito un altro figlio con un’altra personae successivamente alla separazione è nato(addebitandomi anche la causa di separazione)
    Comunque per un anno e mezzo ha versato 125€
    Ha fatto la riduzione di mantenimento da 500€ a 350€ sempre con 2 figli piccoli e il giudice ha accettato.
    Lui ha chiuso la ditta nel frattempo per non pagare e ha dichiarato di essere senza lavoro cosa che non è assolutamente vera.
    Io non lavoro e non ho un reddito mio.
    È possibile una riduzione così, quando poi il minimo possibile è di 250a bambino quando si è in una fascia di età così. La differenza non può essere rimessa da terzi?
    Scusatemi se mi sono dilungata troppo ma ho cercato di farla capire il più possibile.
    Cordiali saluti

    1. Buonasera
      Dovrei vedere le sentenze e gli atti per capire se si può fare qualcosa.
      Purché Lei non abbia già un avvocato.
      Da dove mi scrive?

  31. Buonasera, un consiglio se possibile. Mio marito versa per la figlia nata da una precedente convivenza 600 euro al mese. La madre benestante vive di rendita grazie ad un eredità milionaria. Noi abbiamo 2 figlie insieme di cui una con un problema di salute con legge 104 comma 3 art che ci costa circa 400/500 euro al mese di terapie ( abbiamo solo un rimborso dall Inps di 270 euro ). La piccola al nido paga la retta massima (460 euro al mese) perché, io e mia marito pur essendo solo 2 dipendenti di aziende privata ( io part time a 24 ore settimanali) avendo 2 case ( una in cui abitiamo e io posseggo alcune quote delle case familiari ereditate dopo la morte di mio padre in cui vive comunque mia madre). La figlia di mio marito(16 anni) vuole ora fare esperienze all estero per imparare L inglese Con costi che si aggirano tra i 2200€ e i 2500€ per 15 giorni.
    Per noi si tratta di una spese insostenibile .. pagare solo per una figlia la metà del viaggio + il mantenimento alla madre è qualcosa che dovrebbe portarci a rinunciare alle nostre vacanze Estive di famiglia ( a cui ovviamene partecipa anche la figlia grande ) poiché arriviamo a cifre insostenibili in estate …. solo per la figlia di mio marito tra vacanza all estero e vacanza con noi e mantenimento alla madre siamo sui 3000 euro in 2 mesi .
    Noi guadagnano sui 4000 euro in due ma come detto abbiamo 2 altre figlie di cui una piccola e una con problemi di salute.
    Che possiamo fare? Possiamo chiedere al giudice una riduzione degli alimenti per il periodo in cui sta all estero e per il periodo in cui è con noi in vacanza ?

    1. Buongiorno
      Se le figlie sono sopravvenute rispetto alla disposizione di dover pagare €600 potreste richiedere una riduzione della somma.
      Ma non solo temporaneamente.
      Poi va valutato tutto.
      Da dove mi scrive?
      Avv. Cirri

  32. Buongiorno. Sono divorziata, con una figlia di 14 in affido congiunto che vive prevalentemente con me.
    In fase di separazione abbiamo sottoscritto autorizzazione per il rilascio del suo passaporto.
    Ho una fidanzato da due anni che vive negli USA che visito regolarmente e che mia figlia ha conosciuto qui in Italia e hanno un ottimo rapporto.
    Può il mio ex marito opporsi al fatto che lei venga con me in vacanza negli USA e quindi al rilascio dell’ESTA?
    Il mio fidanzato vive in una grande città, senza nessun problema di sicurezza o di qualunque altro genere.
    Molte grazie
    Il mio ex

    1. Buongiorno,
      la risposta non è semplice e breve, perché va valutato un insieme di cose.
      1) se si tratta di un viaggio di vacanza nei giorni in cui sta con Lei allora non ci sono problemi
      2) se invece si tratta di periodi in cui dovrebbero stare col padre la cosa si complica.
      in ogni caso se lui si oppone Lei può fare ricorso al giudice che chiederà i motivi di opposizione del padre.
      Avv Cirri

  33. Buon giorno avv. e buon anno un consiglio :
    Dato che dovrò fare una negoziazione assistita da parte del mio ex che vuole delle modifiche per L assegno ,io posso proporre di versaglielo direttamente al figlio? Si può con il consenso del figlio? Oppure si deve fare una richiesta a parte? Grazie per la spiegazione

    1. No vive con me e’maggiorenne 23anni ,non lavora non gli anno rinnovato il contratto a 3 mesi
      Grazie

    2. Buongiorno
      Se non sono cambiate le condizioni economiche (legga il mio articolo per i dettagli) non vedo perché possa chiedere la riduzione.
      Una parte dell’assegno potrebbe essere versata alla figlia. Ma difficilmente un giudice disporrebbe di versarla tutta visto che convivete.
      Avv. Cirri

  34. Buon giorno avvocato chiedo gentilmente un consiglio per come comportarmi :
    Sono divorziata da 9anni il mio ex versa come stabilito il mantenimento diretto al figlio ,adesso lui vuole toglierli il mantenimento ma ha mandato la procedura per togliere il mantenimento a me che non lo versa e non al figlio (con udienza già fissata a mia insaputa) posso io dimostrare che non versa a me è addebitargli il costo della parcella del avv. ? Oppure fare una denuncia per dichiarazione di falso? Non doveva indirizzarla al figlio? Che centro io? Grazie per la spiegazione. Cordiali saluti

    1. Buongiorno
      Se mi manda il provvedimento del giudice con il quale viene stabilito l’assegno le rispondo nel modo più corretto.
      Grazie!
      Avv. Cirri

      Ps. Via mail

  35. Buon giorno Avvocato, mio marito versa 700€ per la figlia più le spese extra al 50%. La figlia con la madre vivono nella casa di proprietà esclusiva di mio marito. Hanno fatto una consensuale. Dopo la maturità, quindi a settembre, la figlia va 6 mesi in vacanza in Australia. Mio marito non è d’accordo. È comunque costretto a versarle il mantenimento? Ma soprattutto la ex moglie ha diritto nel rimanere 6 mesi nella casa di mio marito senza la figlia? La ringrazio in anticipo. Cordiali saluti. Serena.

    1. Buonasera.
      Si. Il mantenimento è comunque tenuto a versarlo.
      E la ex può rimanere nella casa.
      Anche se la ragazza dovesse andare a studiare fuori sede.
      A presto
      AVv. Cirri

  36. Buonasera Avvocato, ho due figlie e sono separata dal loro padre da 7 anni. Recentemente abbiamo raggiunto un accordo depositato al tribunale di Milano, dove il padre rivedeva la quota di mantenimento delle figlie da 1000E a 800E. Nell’anno 2021 la figlia maggiore (16 anni) trascorrerà 6 mesi scolastici all’estero. Il padre vorrebbe dimezzare le quota di mantenimento in quanto la ragazza sarà all’estero e non graverà con costi vivi, sul mio portafoglio. Il costo di studio all’estero verrà coperto da un fondo cointestato a disposizione per l’educazione delle ragazze e quindi non direttamente come spesa strordinaria su entrambe i genitori. Mi chiedo se sia giusto tale richiesta del padre e se crei dei precedenti rischiosi in cui lui decida di modulare il contrubuto al mantenimento a seconda delle decisioni delle figlie. Cosa mi consiglia?
    Io pensavo di proporre lui di contribuire con un assegno di 500E e che le restanti 300E vengano versate alla figlia all’estero per eventuali spese quotidiane. Dovremmo in qualche modo formalizzare tale cambiamento e come?

    1. Buonasera
      L’assegno ha natura annuale spalmato in mensilità.
      Non ha natura mensile.
      E non può essere unilateralmente ridotto.
      Nemmeno se sta via sei mesi.
      Se comunque lei concede una riduzione basta che facciate un accordo scritto tra voi.
      A presto.
      Avv. Cirri

  37. Salve avvocato, vorrei chiederle se l’assegno di mantenimento x il figlio può essere sospeso arbitrariamente da chi lo versa senza nessun procedimento del giudice. Ho un figlio di 15 anni che vive con me, avuto da un uomo col quale ho convissuto x 6 anni. Nonostante la sentenza del tribunale minorile al quale mi sono dovuta rivolgere x le visite non ha mai adempito hai suoi obblighi e doveri di è ora pretende di non versare neanche quel poco (230€) che è stato stabilito. Cosa posso fare?

  38. buonasera avvocato, per farla breve i miei, figli 22 e 20 anni, si sono trasferiti da me nel dicembre del 2018. sino a quella data io versavo alla madre 550 Euro come stabilito in sentenza di divorzio. bene dal mese successivo al loro trasferimento da me non ho versato, per mancanza dei presupposti di convivenza, più il manten. alla madre. a dicembre 2019 abbiamo tentato una negoz. assist. per stabilire quanto avrebbe dovuto dare lei a me per i figli.
    saltata ho proceduto al deposito per la modif. condizioni.
    La sentenza parte dal deposito (settembre 2019) e lei soccombente mi deve circa 2500 per entrambi i figli.
    la questione è questa: non vuole darmeli e chiede la differenza tra il mantenimento avrei dovuto dargli se i ragazzi fossero collocati ancora con lei (da dicembre 2018 a settembre 2019) e quello che deve dare ora lei a me (i ragazzi stanno con me da un anno e lei non ha dato assolutamente un euro). spero di essere stato abbastanza chiaro

    1. Buonasera
      Da dove mi scrive?
      Nel ricorso ex 710 c’era la richiesta che retroagisse la sentenza?
      Dovremmo vederci per tentare di risolvere, solo se non ha un avvocato sennò deve chiedere a lui.
      Ma non è semplice.

  39. Buonasera avvocato, sono separata da due anni con un figlio di 15 anni il quale da circa sei mesi si rifiuta di vedere il padre. Agli inizi io insistevo con mio figlio di andare con il padre, ma tutte le volte che rientrava era un fascio di nervi e il morale a terra. Il padre non accettando la separazione buttava fango su di me. Gli urlava contro che la madre e una poco di buono. Stanca di raccogliere i cocci di mio figlio ho lasciato che decidesse lui se continuare a frequentare il padre oppure no. Si rifiuta di andare e anche di rispondere sia ai messaggi che al telefono. Adesso mi ha fatto sapere che non verserà più l’assegno di mantenimento e che vuole procedere per vie giudiziale.

    1. Buongiorno,

      il padre rimane comunque obbligato versare l’assegno.
      Laddove voglia chiedere una modifica tanto della modalità di visita del figlio quanto dell’assegno di mantenimento, dovrà presentare ricorso al Tribunale.

      Saluti
      Avv. Cirri

  40. Buongiorno Avvocato, sono separata consensualmente da febbraio 2018 con assegno di mantenimento di 600 euro per 2 figli maggiorenni, il mio ex deliberatamente decide da quel giorno di darmi 300 euro perché uno dei figli temporaneamente decide di andare da lui per motivi di lavoro fino a marzo 2019, anche se nei fine settimana era presso casa mia. Successivamente il ragazzo e’ stato licenziato e passava più tempo a casa mia fino a marzo 2020 in cui ha fatto ritorno definitivamente. Ora il quesito è, posso intraprendere un azione per il pagamento degli assegni di mantemento per tutto il periodo da marzo 2018. Premetto che non è stato richiesta nessuna modifica di sentenza di separazione. Grazie

    1. buonasera,

      si, certamente.
      La separazione omologata costituisce titolo che le consente di poter agire per il recupero forzoso.

      saluti
      Avv. Lorenzo Cirri

    2. Avvocato buongiorno, ho richiesto il periodo pegresso, ma il mio ex ha chiesto il divorzio e conferma la sua volontà di non pagare assegno mantenimento figlio perché ha raggiunto indipendenza economica e richiama anche l art. 1322 per un accordo verbale raggiunto con la sottoscritta di non pagare assegno. Ma gli accordi non devono essere scritti, anche perché il suo accordo verbale mi è stato imposto. Grazie

    3. Buonasera.
      Finché non c’è un nuovo provvedimento del giudice lui deve pagare.
      Avv. Cirri

  41. Avvocato buonasera.
    Credo di aver fatto una cavolata: casa acquistata in regime di comunione con 60% mio ex marito e 40% io. Di questo 40 mio ex marito mi paga un fitto. Mio figlio 24 anni (che nei fine settimana e’ da lui) possiede le chiavi e malaguratamente si è lasciato chiudere la porta d ingresso alle sue spalle, lasciando all interno, luci, telev.cellulare, chiavi etc… Non avendo la possibilità di telefonare e sapendo questa cosa per puro caso, ho accompagnato mio figlio a casa, il quale telefonava al padre per chiedere dove fossero le chiavi di riserva. Siamo ritornati nuovamente sul luogo e mio figlio risolto il problema mi invita ad entrata e io stupidamente sono entrata. Magari con un rapporto pacifico non ci sarebbe nulla di strano, ma posso aspettarmi una querela.

  42. Buonasera Avvocato. Credo di aver fatto una cavolata. Su invito di mio figlio 24 anni, salgo a casa del mio ex marito assente perché in vacanza. Mio figlio possiede le chiavi ed era nel we a casa del padre anche se abita e risiede presso la mia abitazione. Mio figlio inavvertitamente si è chiuso alle spalle la porta d ingresso dell appartamento ovviamente all interno luci e televisore accesi chiavi cellulare etc. Sapendo per caso della cosa, sono accorsa in aiuto, portandolo a casa mia in modo da telefonare e chiedere dove fossero le chiavi di riserva. Riaccompagnato, il problema con le chiavi è stato risolto. Su suo invito sono salita ma questa cosa non mi convince… posso essere querelata

    1. Buongiorno
      Stia tranquilla
      Non ha commesso nessuna violazione di domicilio.
      100%
      Avv. Cirri

  43. Buongiorno avvocato, mio figlio 24 anni dispone delle chiavi di casa del padre e nei fine settimana pernotta in quella casa. In seguito ad un problema in cui è rimasto fuori casa con le chiavi all interno e in assenza del padre in vacanza mi sono occupata io della vicenda. Mio figlio dopo aver risolto mi invita ad entrare. Posso farlo? Ho cominciato ad avere seri dubbi leggendo di violazione di domicilio. Grazie

  44. Avvocato buongiorno, ho richiesto il periodo pegresso, ma il mio ex ha chiesto il divorzio e conferma la sua volontà di non pagare assegno mantenimento figlio perché ha raggiunto indipendenza economica e richiama anche l art. 1322 per un accordo verbale raggiunto con la sottoscritta di non pagare assegno. Ma gli accordi non devono essere scritti, anche perché il suo accordo verbale mi è stato imposto. Grazie

  45. Buongiorno avvocato,le scrivo per chiederle un consiglio. Io sono separata da 3 anni con due figlie di 12 e 15 anni, il mio ex marito versa un mantenimento di 300 euro per tutte e due senza mai dare spese straordinarie. Da marzo 2020 ha ridotto il mantenimento a 100 euro dicendo che per causa riduzione stipendio per la situazione covid 19 nn può versare il mantenimento per intero. Sono ormai 6 mesi che andiamo avanti in questo modo,io nn ho un lavoro fisso…e con la situazione che stiamo vivendo oggi mi è stato impossibile anche lavorare saltuariamente. Mi aiuta in tutte le spese il mio attuale compagno e la mia famiglia. Cosa posso fare? Se voglio fare denuncia a chi mi devo rivolgere? Premetto che non ho un avvocato perché non me lo posso permettere.
    Grazie

    1. Buonasera Maria,
      se la sentenza di separazione prevede un obbligo di mantenimento di 300 euro questo deve essere rispettato dal suo ex.
      Le consiglio vivamente di rivolgersi ad un avvocato per il recupero delle somme, lei può ottenere un pignoramento sullo stipendio, o meglio, un ordine di pagamento con cui il datore di lavoro è obbligato a versare in suo favore quanto il suo ex si rifiuta di versare.

      Oltre a quanto sopra può anche sporgere denuncia querela per inadempimento degli obblighi, recandosi dai carabinieri.

      Cordiali saluti

      Avv. Lorenzo Cirri

  46. Buongiorno avvocato ho una figlia di 8 anni e andrò in vacanza con la bambina la mia ex compagna vuole lo stesso il mantenimento malgrado la bambina sta con me . Non siamo mai stati sposati è in piu ho mantenuto il figlio suo per piu di 10 anni

    1. Buonasera
      Il mantenimento non può essere sospeso nemmeno se la dovesse tenere tutto il mese.
      Lo dice la legge…
      Mi spiace.
      A presto
      Avv. Cirri

  47. Salve avvocato io sono divorziato da 1 anno ora ad agosto sono 3 settimane con me sono ugualmente costretto a dare il mantenimento alla mia ex oppure no visto che devo affrontare delle spese visto che sono con me

    1. Buongiorno
      No. Non può ne sospenderlo ne ridurlo.
      La legge non lo consente.
      C’è un articolo mio che lo spiega.
      Avv. Cirri

  48. Buongiorno Avv.to,
    sono in cerca di una delucidazione in merito al mantenimento di figlio minore che si appresta a trascorrere un anno di studio all’estero.
    Abbiamo concorso alle spese per questo anno all’estero nella misura del 50%, spese che comprendono istruzione vitto e alloggio; vorrei capire se il mantenimento è comunque dovuto all’ex coniuge durante questo periodo di assenza, avendo comunque già provveduto al pagamento dei bisogni primari.
    Nel ringraziarla, le porgo cordiali saluti.

    1. Buonasera
      In teoria sono somme dovute comunque.
      Però potete trovare un accordo per una riduzione temporanea.
      Avv. Cirri

  49. Buongiorno Avvocato, mio figlio maggiorenne si è trasferito dal padre per circa 18 mesi e non ho piu avuto l assegno di mantenimento per lui, ora e’nuovamente con me. Ho fatto il precetto, ma puo’ opporsi facendo firmare una carta al figlio? Grazie

  50. l assegno di mantenimento per mio figlio spetta a me come da sentenza. Ma lui gli ha chiesto una firma sotto una dichiarazione che è stato con lui per circa 18 mesi.

  51. Salve avvocato volevo chiederle un parere, io e la mia ex compagna (non siamo mia stati sposati), ci siamo separati ed abbiamo stabilito delle regole per il mantenimento del figlio minore tramite una scrittura privata nel 2016, adesso dopo il primo lock down dovuto al Covid19 la mia ex mi ha chiesto di cambiare i giorni di custodia del minore da quelli pattuiti ad un nuovo modo, adesso stiamo tenendo il figlio minore una settimana intera a testa, alternandoci tutte le settimane del mese, tenga presente che oltre all’assegno di mantenimento di €200 pago per tutto lo sport, il cellulare ed altre spese che lei non vuole dividere, e me le sobbarco io pur di non far mancare nulla al ragazzo, inoltre la mia ex compagna adesso lavora da anni, mentre io ho una moglie disoccupata da lungo tempo e altri due bimbi minori (di 5 e 3 anni), avendo solo un reddito di 1500€ al mese sospendere il mantenimento in questo periodo mi darebbe una grossa mano, le chiedo a questo punto l’assegno di mantenimento del minore lo devo continuare a versare comunque o no?

    1. Buongiorno,
      le consiglio di rivolgersi ad un collega per definire la situazione.
      Per richiedere la revisione dell’assegno di mantenimento è necessario l’intervento del tribunale.
      Cordiali saluti
      Lorenzo Cirri

  52. Salve avvocato, sono divorziata dal 2011, ho 2 figli e lui ha sempre pagato regolarmente il mantenimento stabilito dal giudice pari a 550€. Ora mio figlio maggiore ha 18 anni ed è alle sue prime esperienze lavorative e per ora ha un contratto a termine di due mesi. Mio figlio oggi mi ha detto che lui gli ha detto che dal mese prossimo ridurrà l’assegno perché lavora… Ma può fare una cosa del genere senza neanche informarmi?? Come mi dovrei comportare se questa cosa risultasse veritiera? Grazie in anticipo

    1. Buongiorno,
      no, affinchè possa ridurre od eliminare l’obbligo al versamento dell’assegno di mantenimento il suo ex marito dovrà presentare apposita domanda al Tribunale.
      Il Tribunale verificherà altresì l’effettiva indipendenza economica di Vostro figlio.
      Distinti Saluti
      Avv. Lorenzo Cirri

  53. Salve avvocato, nn siamo sposato e nemmeno diamo andati dal giudice, ma con il lavoro che faccio stagionale nn tutti i mesi riesco nel darli, ora la ex compagna mi sta vietando di vedere mio figlio per via dei soldi, potrebbe darmi dei consigli?

    1. Buongiorno,
      la sua ex non può limitare la frequentazione di suo figlio.
      Tuttavia Le consiglio di regolarizzare il tutto con un ricorso al Tribunale.
      Saluti
      Avv. Lorenzo Cirri

  54. Buonasera avvocato.Mio figlio ha dodici anni ed è andato dal padre per trascorrere le vacanze natalizie.Sarebbe dovuto rientrare prima di capodanno per passare i restanti giorni di vacanza con me.Nella famiglia del padre c’è stato un caso di covid per cui il bambino non può tornare a casa in quanto sta aspettando il secondo tampone .Ora oltre ad aver firmato in fase di separazione il dovere di pagare metà rata di mutuo per una casa cointestata in cui viviamo io e mio figlio che non ha mai fatto, questo mese non ha versato il mantenimento.Cosa posso fare?

    1. Buongiorno
      Per il discorso covid non ci sono alternative.
      Per quanto riguarda il mutuo avete firmato un contratto con la banca e va rispettato.
      Se lui non paga il mantenimento potete agire per recuperare le somme.
      Sul mio sito c’è un articolo è un video completo che spiega tutto.
      Grazie per aver scritto

  55. Salve Avvocato
    Volevo chiedere se è possibile sospendere il mantenimento dei figli minorenni essendo divorziato visto che in questo momento sono rinchiusi in un istituto casa famiglia e tutte le spese sono a carico dello stato

  56. Buongiorno Avvocato,
    Io e il mio compagno ci siamo separati e per il mantenimento delle nostre tre figlie abbiamo stabilito, senza andare dal giudice, la somma di 900 euro mensili.
    Lo scorso anno la più grande è andata a vivere con lui per motivi di studio e l’assegno è stato ridotto a 300 euro.
    Durante il periodo di chiusura della scuola a causa covid le ragazze hanno vissuto alcuni mesi con lui. Per questo periodo pretende da parte mia il versamento dei 900 euro mensili stabiliti per il mantenimento.
    Lo può fare? Preciso che nel periodo in questione ha provveduto esclusivamente al mero mantenimento senza effettuare nessuna altra spesa (abbigliamento, libri, quaderni, farmaci o altro) che sono rimasti a mio carico. Grazie

    1. Buongiorno
      Avrebbe potuto fare ricorso al giudice per la modifica degli accordi.
      Ma finché c’è un provvedimento del giudice va rispettato quello anche se la prole si sposta temporaneamente.
      Avv. Cirri

  57. Buongiorno avvocato io e mio marito ci stiamo separando io percepisco per ora il rdc, lui lavora ma non sapendo se ha un contratto full time o part time, mi versa 300 euro al mese… ho due bambini di anni 8 e 3 pago l’ affitto di casa 400,00. Lui normalmente guadagna 70,00 al giorno. Cosa posso fare per avere un assegno più congruo?Se andiamo in causa giudiziaria e lui dimostra che non ha contratto ma invece lavora in nero.. Il giudice su cosa si basa se dimostra che non ha nulla ma invece lavora e guadagna su i 1400,00 al mese. Non posso lavorare perché a parte non c’è lavoro ma con i bambini piccoli ho il problemi dove lasciarli.

    1. Buonagiorno,
      può essere presentata domanda per la modifica delle condizioni di separazione nell’ipotesi in cui siano intervenuti fatti nuovi e sopravvenuti (anche in termini economici) tali da poter determinare una pronuncia di modifica.
      Il lavoro a nero, se non viene dichiarato da controparte, andrà dimostrato ad es. con l’ausilio di una relazione investigativa.
      Cordiali saluti
      Avv. Cirri

  58. Buon pomeriggio Avvocato,
    spero di ricevere una sua risposta.
    Mio marito versa il mantenimento alla figlia di 370€ mensili. Non ha mai mancato al suo obbligo anche se dall’altro lato ci sono state più mancanze che presenze. La figlia ha 13 anni ed è da 6 mesi che non vuole vedere il padre e di conseguenza tutta la famiglia paterna per motivi inesistenti sicuramente dettati da altri e non da lei. Ora mi chiedo, c’é la possibilità di non dare più il mantenimento dato che in 13 anni l’avrà vista si e no un anno?
    Grazie

    1. Francesca buonasera
      La risposta è inequivocabilmente NO!

      Però può ricorrere al tribunale per le visite.
      Avv. Cirri

  59. Buongiorno,
    Io mi trovo in comunità con i miei figli abbiamo fatto la separazione consensuale e lui deve il mantenimento ai figli. La separazione è avvenuta mentre noi eravamo già in comunità. Ora lui non ha mai versato il mantenimento perché il comune ci passa tutto e quindi non ho spese. Come posso farmi valere?

    1. Grazie della risposta . Dalle marche. Perché i miei avvocati dicono che forse dovrebbe darmi meno di quanto pattuito perché il comune provvede per noi

    2. Buonasera,
      non conosco la pratica quindi è meglio se chiede a loro!
      Io non posso nemmeno esprimermi su pratiche altrui e se lo avessi saputo….
      Avv Cirri

  60. buongiorno avvocato vorrei porle una semplice domanda potrei essere denunciato se non verso una rata di mantenimento ai mie figli che vivono con la madre e percepisce oltre 2000 euro di reddito tra lavoro e reddito proveniente da due case in affitto

    1. Buongiorno,

      purtroppo si, potrebbe essere passibile di denuncia querela per inadempimento degli obblighi genitoriali.
      Saluti
      Lorenzo Cirri

  61. Buongiorno avvocato… Le scrivo per avere delle informazioni in merito alla mia situazione economica… Ho avuto un figlio con un compagno dove e stata stabilito un assegno 150 euro… Alle compimento dei 18 anni di mio figlio o sospeso l’assegno perché la mia situazione economica è combinata e mi pago un mutuo di 650 euro al mese che adesso ci vive mia figlia +adesso mia figlia mi a donato dei soldi per comprarmi un piccolo mono locale in Puglia dove devo pagarmi tutte le spese che concerne una casa.. Il mio stipendio è di 1280 al mese+ho una cessione del quinto118+200 di benzina per andare e venire dal lavoro… E bollette varie.. Non riesco proprio ad sostenere il mantenimento di mio figlio… Mi dia una risposta grazie..

    1. Buonasera Annunziata,
      dovrei valutare meglio la situazione per poterla consigliare meglio.
      Nel caso può fare un ricorso per la revisione degli assegni.
      Avv Cirri

  62. Buongiorno, sono ormai separato da quasi 5 anni e divorziato da 4. Ho 2 figli di ormai quasi 18 e l’altro di quasi 15. sto versando un fisso per il mantenimento di 500€ (ero partito da oltre 1000€ perche prima avevo un’attivita) oltre extra. Da circa 1 mese la grande ha deciso che sarà a vivere con me, volevo chiedere quindi come muovermi per ridurre o magari compensare a 0 il mantenimento in quanto io gestiro un figlio e la mia ex l’altro; basta una accordo tra noi o bisognerà ritornare in tribunale? Preciso che la mia ex ha un’attività redditizia e io percepisco un assegno da impiegato. In passiva attesa in una sua cortese presa visione cordialmente la saluto e ringrazio.
    N

    1. Buongiorno,

      è necessario procedere con una modifica delle condizioni di divorzio, anche a mezzo di accordo di negoziazione assistita.
      Cordiali saluti
      Avv. Cirri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *