Diseredare il figlio

In quali casi il figlio può essere escluso dall'eredità?
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Eredità e diritti successori
Sei alla ricerca di un avvocato o hai bisogno di maggiori informazioni?
Condividi su
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Indice dell'articolo

Quando il figlio può essere diseredato?

Il figlio può essere escluso dall’eredità se dichiarato indegno. I casi sono tassativi e previsti dalla legge all’articolo 463 del Codice Civile:

  • Se il figlio ha volontariamente ucciso o tentato di uccidere il genitore o il coniuge o un discendente o un ascendente del genitore
  • Se il figlio ha commesso, un danno nei confronti del genitore (o del coniuge o un discendente o un ascendente) un fatto al quale la legge dichiara applicabili le norme sull’omicidio (ad esempio se il figlio ha aiutato o istigato il genitore a suicidarsi)
  • Se ha denunciato il genitore (o le altre persone già citate sopra) per un reato punibile con l’ergastolo o con la reclusione per un periodo non inferiore nel minimo di tre anni, se si scopre in un procedimento penale che la denuncia era calunniosa, cioè falsa, oppure se ha testimoniato contro queste stesse persone imputate dei predetti reati, se la testimonianza è stata dichiarata, nei suoi confronti, falsa da un giudizio penale
  • Se ha indotto il genitore, con dolo o violenza a fare, revocare o mutare il testamento o gli ha impedito di farlo
  • Se ha soppresso, celato o alterato il testamento del genitore con il quale sarebbe stata regolata la successione
  • Se ha firmato un testamento falso.

 E’ possibile diseredare il figlio nel testamento?

No, non è possibile trovare una simile disposizione all’interno del testamento perché sarebbe illegittima e il figlio la contesterebbe in quanto erede “legittimario”. Il figlio, con questa contestazione, otterrebbe la riscossione della quota ereditaria che la legge gli attribuisce.

Che effetti produce la dichiarazione di indegnità di un figlio?

Gli effetti della dichiarazione d’indegnità del figlio intervengono dopo la pronuncia di un giudice. L’indegno non verrà escluso subito dall’eredità del genitore ma verrà tagliato fuori dall’acquisto dei beni ereditari solo dopo che il Tribunale gli assegni tale status cioè in uno dei casi tassativi previsti dalla legge, ex art. 463 c.c.

Il figlio una volta dichiarato indegno è tenuto a restituire i beni che facevano parte dell’eredità.

 Chi sono i soggetti legittimati a far valere l’indegnità nel testamento?

I soggetti legittimati a proporre questa azione sono coloro idonei a subentrare nella posizione giuridica dell’indegno e che hanno diritto a subentrare nella quota ereditaria. Tali soggetti potranno avviare il giudizio volto alla dichiarazione di indegnità dell’erede legittimario entro 10 anni decorrenti dall’apertura della successione, specificatamente, dal giorno in cui è stata scoperta la causa che può dar luogo all’indegnità medesima.

Cosa succede se il figlio viene “perdonato” dai genitori?

L’articolo 466 del Codice Civile stabilisce la possibilità per il genitore di perdonare il figlio a seguito della dichiarazione di diseredazione e questa decisione ne elimina gli effetti negativi. Il figlio in questo modo può essere “riabilitato”, la riabilitazione può essere totale oppure parziale.

 Nel primo caso, la riabilitazione del figlio si fa attraverso una dichiarazione contenuta in atto pubblico o nel testamento. Con questa dichiarazione, il figlio potrà ereditare come se la causa di diseredazione non fosse mai esistita.

Nel caso di una riabilitazione parziale, il genitore non dichiara espressamente di voler riabilitare il figlio però lo indica come erede nel suo testamento, di conseguenza il figlio potrà ereditare solo nei limiti delle disposizioni contenute nel testamento.

Si rimanda inoltre ai seguenti ARTICOLI:

Separazione e divorzio modalità e costi a seconda delle procedure

I tempi di permanenza dei figli con i genitori in caso di separazione o divorzio

Separazione consensuale

Separazione giudiziale

Il Diritto al Mantenimento dei figli

Ripartizione spese dei figli: schema completo delle spese ordinarie e straordinarie.

Le spese di mantenimento dei figli nella separazione

La responsabilità genitoriale

Il diritto agli alimenti

Sei alla ricerca di un avvocato o hai bisogno di informazioni?
Contatta lo studio dell’Avvocato Cirri per un appuntamento conoscitivo o invia un’email a avvocato@lorenzocirri.it.

Articoli correlati

Diritto agli alimenti

Dobbiamo preliminarmente rifuggire dall’ erronea assimilazione in cui si incorre nella prassi tra assegno alimentare e assegno di mantenimento. Si tratta infatti di istituti di natura giuridica diversa, con presupposti, funzioni e criteri di quantificazione diversi.

Scopri di più »

La pensione di reversibilità

La pensione di reversibilità̀ è una prestazione economica diretta erogata in favore dei familiari dei superstiti. L’erogazione di questa pensione decorre dal primo giorno del mese successivo al decesso del pensionato (la data in cui è stata fatta la domanda è irrilevante).

Scopri di più »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *