Fino a quando vanno mantenuti i figli maggiorenni?

I figli maggiorenni hanno diritto al mantenimento, inteso come insieme dei mezzi di sostentamento e dei mezzi necessari a soddisfare il diritto allo studio e alla istruzione.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
DIRITTO DI FAMIGLIA, SEPARAZIONE E DIVORZI
Sei alla ricerca di un avvocato o hai bisogno di maggiori informazioni?
Condividi su
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Indice dell'articolo

I figli maggiorenni hanno diritto al mantenimento, inteso come insieme dei mezzi di sostentamento e dei mezzi necessari a soddisfare il diritto allo studio e alla istruzione, nel rispetto – come impone l’art. 315-bis c.c. – delle capacità, delle inclinazioni naturali e delle aspirazioni dei figli (Cass. civ. Sez. I, 10 luglio 2013, n. 17089).

L’art. 337-septies c.c. ribadisce un primo presupposto del diritto al mantenimento e cioè il principio che il mantenimento del figlio maggiorenne è subordinato alla circostanza che egli sia “non indipendente economicamente”. Il che vuol dire che il diritto al mantenimento sussiste per il figlio maggiorenne solo finché egli non sia autosufficiente economicamente, e cioè fin quando non sia in grado di potersi garantire da solo il sostentamento e la soddisfazione dei principali bisogni della vita confacenti alla sua condizione sociale.

Quando e come termina l’obbligo di mantenimento dei figli maggiorenni?

Ogni valutazione sul diritto al mantenimento e sulla sua quantificazione è complessa e deve essere valutata dal giudice caso per caso.

La valutazione sulla condizione di dipendenza o indipendenza economica del figlio non è, però, l’unica che il giudice deve valutare. Infatti egli dovrà anche valutare se il figlio sia disoccupato per sua colpa o meno.

A conferma la Cassazione ha affermato, infatti, il giudice di merito deve valutare con insindacabile apprezzamento, caso per caso e con criteri di rigore proporzionalmente crescenti in rapporto all’età dei beneficiari, le circostanze che giustificano il permanere dell’obbligo di mantenimento, poiché tale obbligo non può prolungarsi oltre ragionevoli limiti di tempo e di misura(cfr. Cass. Civ. n. 12952/2016).

É necessario domandarsi dopo quanto tempo cessa il diritto al mantenimento?

L’obbligo gravante sui genitori di concorrere al mantenimento del figlio persiste finché il genitore o i genitori interessati non dimostrino che il figlio ha raggiunto l’indipendenza economica, ovvero è stato da loro posto nelle concrete condizioni per essere autosufficiente.

La Corte di Cassazione ha stabilito che l’obbligo dei genitori non può protrarsi in eterno e pertanto esso trova il suo limite allorché il figlio risulti avviato ad una attività lavorativa la quale, interrompe “il legame e la dipendenza morale e materiale con la famiglia d’origine”. (Cfr.Cass. civ. Sez. II, 7 luglio 2004, n. 12477 eCass. civ. Sez. I, 22 novembre 2010, n. 23590

Infatti, il mantenimento del figlio maggiorenne è da escludersi, ove questi abbia iniziato ad espletare un’attività lavorativa, dimostrando, quindi, il raggiungimento di una adeguata capacità, senza che possa rilevare la sopravvenienza di circostanze ulteriori che, pur determinando l’effetto di renderlo momentaneamente privo di sostentamento economico, non possono far risorgere un obbligo di mantenimento, i cui presupposti erano già venuti meno. Semmai potrebbe sorgere per il genitore un dovere alimentare, che si fonda peraltro su presupposti del tutto differenti.(Cass. civ. Sez. VI, 27 gennaio 2014, n. 1585 ).

Ed ancora la recente giurisprudenza di legittimità ritiene che una volta raggiunta un’adeguata capacità lavorativa, e quindi l’indipendenza economica, la successiva perdita dell’occupazione non comporta la reviviscenza dell’obbligo del genitore al mantenimento (Cass. Civ. n. 6509/2017).

L’assegno di mantenimento va corrisposto direttamente al figlio maggiorenne o al genitore con cui egli convive?

L’assegno può essere corrisposto al genitore con cui il figlio convive e pertanto quindi tale contributo può essere richiesto tanto dal figlio maggiorenne quanto dal genitore con esso convivente.

La domanda giudiziale per la modifica del beneficiario l’assegno di mantenimento da chi può essere proposta?

Curioso come la legge preveda che il genitore che versa l’assegno non può proporre domanda di modifica del soggetto in cui favore viene versato. Ne consegue che, ad esempio, il padre obbligato a versare il mantenimento non può presentare domanda al giudice affinché preveda che l’assegno sia versato non più alla madre ma direttamente al figlio.

Per maggiori approfondimenti consultare i seguenti ARTICOLI:

Quando dare direttamente l’assegno di mantenimento ai figli?

Le spese di mantenimento dei figli nella separazione

La Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori

Ripartizione spese dei figli: schema completo delle spese ordinarie e straordinarie.

Le spese straordinarie per i figli (AGGIORNATO)

Il trasferimento del genitore separato o divorziato con figli minori

Figli di genitori separati: chi decide lo sport da praticare

Valenza probatoria sms ed e-mail nel diritto di famiglia

Il diritto di visita dei genitori dei figli separati

La pensione di reversibilità

La responsabilità genitoriale

Il diritto agli alimenti

Sei alla ricerca di un avvocato o hai bisogno di informazioni?
Contatta lo studio dell’Avvocato Cirri per un appuntamento conoscitivo o invia un’email a avvocato@lorenzocirri.it.

Articoli correlati

Gli Accordi prematrimoniali

È un accordo tra due soggetti prossimi al matrimonio volto a regolamentare la situazione patrimoniale e non solo, nell’eventualità di una futura e irreparabile crisi coniugale

Scopri di più »
accordi prematrimoniali
Lorenzo Cirri

Gli Accordi prematrimoniali

Che cosa si intende per patto prematrimoniale?
È un accordo tra due soggetti prossimi al matrimonio volto a regolamentare la situazione patrimoniale e non solo.

Scopri di più »

5 risposte

  1. Buongiorno, mia figlia ha finito 5 superiore quando aveva 19 anni senza che sia bocciata, dal età di 18 ani non ha ricevuto più aseni familiare da INPS almeno per 1 anno da 18 a 19 quando ha finito la scuola, grazie.

  2. Buonasera,
    Ho questo problema. Il mio compagno con cui ho vissuto 25 anni ci ha abbandonato ( con due figli 12 e 23) tutti i due studenti.
    Io senza un lavoro.
    È stata stabilita la sentenza che deve pagare un assegno e più tutte le spese finché io non trovo un lavoro stabile
    Dopo due mesi dalla sentenza ha iniziato a pagare la metà dell’assegno e nemmeno le spese extra. Sono passati quasi 2 anni ho dovuto svendere tutto che avevo per vivere. Ora abbiamo richiesto il precetto e poi vogliamo chiedere il decreto ingiuntivo per tutte le spese.
    Solo che lui ha tirato fuori tutto dal conto corrente e risulta vuoto. Cosa devo fare?? Sono sicura che aveva una bella somma e pur non pagare ai figli preferiva prendersene i soldi..appena ha saputo che abbiamo fatto una notifica..

    1. Buongiorno
      Quello che sta facendo il solleva che la assiste va bene.
      E comunque deve sentire lui perché non posso esprimere pareri sul lavoro altrui …
      Volendo c’è anche la querela.
      Avv. Cirri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *