SEPARAZIONE E DIVORZIO – Modalità e costi a seconda delle procedure

Le modalità con cui si può risolvere la crisi familiare sono molteplici ed in base alla procedura cambia anche il costo.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Diritto di famiglia, separazione e divorzi
Sei alla ricerca di un avvocato o hai bisogno di maggiori informazioni?
Condividi su
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Indice dell'articolo

Le spese legali di una separazione, così come quelle di un divorzio, possono variare molto in base alla presenza o meno di figli, al valore di eventuali beni da trasferire o dell’eventuale mantenimento richiesto, nonché la complessità delle questioni da trattare.

Il percorso volto alla pronuncia del divorzio passa necessariamente attraverso la separazione personale: la separazione ed il divorzio sono infatti due diverse procedure, che implicano differenti attività ed incombenti a carico del legale che assiste il coniuge.

Le modalità con cui si può risolvere la crisi familiare sono molteplici ed in base alla procedura cambia anche il costo. Procediamo dunque all’analisi delle varie alternative:

NEGOZIAZIONE ASSISTITA TRA AVVOCATI

E’ una procedura che implica l’avvio di trattative volte al raggiungimento di un accordo con l’assistenza di avvocati. Una volta raggiunto l’accordo di divorzio o di separazione, questo verrà trasmesso dagli avvocati, per il nulla osta (in assenza di prole minore o maggiorenne non autosufficiente) o autorizzazione (in presenza di prole minore o maggiorenne non autosufficiente), al procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente e di seguito agli uffici del Comune per l’annotazione nei registri di Stato civile.

Per il compenso dell’avvocato è necessario fare riferimento alla tabella 26 del Decreto Ministeriale n.55/2014 relativa alle prestazioni di assistenza stragiudiziale.

Tale tabella prevede per le controversie di valore indeterminato (come sono le cause di separazione/divorzio) un compenso:

Assistenza stragiudiziale controversia con valore indeterminabile ex D.M. 55/2014Parametri minimiParametri mediParametri massimi
1. Assistenza procedura di negoziazione assistita 1.654,00 +
c.a.p. (4%) +
I.v.a.(22%) +
15% spese generali
3.308,00+
c.a.p. (4%) +
I.v.a.(22%) +
15% spese generali
5.954,00+
c.a.p. (4%) +
I.v.a.(22%) +
15% spese generali

A meno che parte ed avvocato non si siano accordate per la determinazione di un diverso importo per i compensi professionali.

DIVORZIO O SEPARAZIONE CON PROCEDURA IN TRIBUNALE

In questo caso i costi variano a seconda che i coniugi raggiungano o meno un accordo e che quindi si tratti di una separazione o divorzio consensuale o giudiziale.

Nel caso in cui il procedimento si svolga nella forma consensuale, i costi saranno identici a quelli previsti per la negoziazione assistita.

Assistenza stragiudiziale controversia con valore indeterminabile ex D.M. 55/2014Parametri minimiParametri mediParametri massimi
1. Assistenza separazione consensuale 1.654,00 +
c.a.p. (4%) +

I.v.a.(22%) +

15%
1.654,00 +
c.a.p. (4%) +

I.v.a.(22%) +

15% spese generali
3.308,00+
c.a.p. (4%) +

I.v.a.(22%) +

15% spese generali
5.954,00+
c.a.p. (4%) +

I.v.a.(22%) +

15% spese generali

Nel caso in cui i coniugi non raggiungano un accordo sarà dunque necessario instaurare un procedimento vero e proprio dinanzi al Tribunale.

(Vedi anche lo SCHEMA RIASSUNTIVO IN MERITO A SEPARAZIONI E DIVORZI)

Per il compenso, quindi, non può che farsi riferimento alle prestazioni giudiziali, e quindi, alla tabella 2 del dm n. 55 del 2014 (così come aggiornato dal D.M. 37 del 2018), tabella che prevede per le cause di valore indeterminato un compenso differente a seconda dei parametri di riferimento, nonché della complessità del giudizio.

Nel caso in cui venga stabilita la necessità di una consulenza tecnica d’ufficio infatti, dovranno prevedersi i compensi anche per la c.d. “fase istruttoria”.

Valore indeterminabile, complessità bassaParametri minimiParametri mediParametri massimi
1. Fase di studio della controversia810,001.620,002.916,00
2. Fase introduttiva del giudizio  574,001.147,002.065,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione1.204,001.720,003.440,00
4. Fase decisionale1.384,002.767,004.981,00
TOTALE3.972,00 +

c.a.p.  (4%) +

I.v.a.(22%) +

15% spese                   generali
7.254,00+

c.a.p.  (4%) +

I.v.a.(22%) +

15% spese                   generali
13.402,00+

c.a.p.  (4%) +

I.v.a.(22%) +

15% spese                   generali
Valore indeterminabile, complessità mediaParametri minimiParametri mediParametri massimi
1. Fase di studio della controversia1.013,002.025,003.645,00
2. Fase introduttiva del giudizio675,001.349,002.428,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione2.492,003.560,007.120,00
4. Fase decisionale1.705,003.409,006.136,00
TOTALE5.885,00+

c.a.p.  (4%) +

I.v.a.(22%) +

15% spese                   generali
10.343,00+

c.a.p.  (4%) +

I.v.a.(22%) +

15% spese                   generali
19.329,00+

c.a.p.  (4%) +

I.v.a.(22%) +

15% spese                   generali
Valore indeterminabile, complessità altaParametri minimiParametri mediParametri massimi
1. Fase di studio della controversia1.215,002.430,004.374,00
2. Fase introduttiva del giudizio775,001.550,002.790,00
3. Fase istruttoria e/o di trattazione3.780,005.400,0010.800,00
4. Fase decisionale2.025,004.050,007.290,00
TOTALE7.795,00  +

c.a.p.  (4%) +

I.v.a.(22%) +

15% spese                   generali
13.430,00+

c.a.p.  (4%) +

I.v.a.(22%) +

15% spese                   generali
25.254,00+

c.a.p.  (4%) +

I.v.a.(22%) +

15% spese                   generali

Come già detto, potranno essere concordati diversi importi a titolo di compenso professionale, senza fare riferimento alle tabelle parametriche del d.m. n. 55/2014.

La parte priva di reddito, ovvero tutti coloro che abbiano un reddito inferiore ad euro 11.746,68 euro annui potrà sempre avvalersi del gratuito patrocinio.

Per ulteriori aggiornamenti si rimanda ai seguenti ARTICOLI:

Separazione e divorzio consensuale

separazione giudiziale

Separarsi senza l’ausilio dell’Avvocato (Modello di separazione)

Via libera al divorzio breve. Ecco come funziona.

Separarsi o divorziare in poche settimane con la negoziazione assistita

Differenza tra assegno all’ ex coniuge di separazione e l’assegno di divorzio.

Valenza probatoria sms ed e-mail nel diritto di famiglia

La responsabilità genitoriale

Il diritto agli alimenti

Patrocinio a spese dello Stato per gli stranieri

La pensione di reversibilità

Sei alla ricerca di un avvocato o hai bisogno di informazioni?
Contatta lo studio dell’Avvocato Cirri per un appuntamento conoscitivo o invia un’email a avvocato@lorenzocirri.it.

Articoli correlati

Diritto agli alimenti

Dobbiamo preliminarmente rifuggire dall’ erronea assimilazione in cui si incorre nella prassi tra assegno alimentare e assegno di mantenimento. Si tratta infatti di istituti di natura giuridica diversa, con presupposti, funzioni e criteri di quantificazione diversi.

Scopri di più »

La pensione di reversibilità

La pensione di reversibilità̀ è una prestazione economica diretta erogata in favore dei familiari dei superstiti. L’erogazione di questa pensione decorre dal primo giorno del mese successivo al decesso del pensionato (la data in cui è stata fatta la domanda è irrilevante).

Scopri di più »

La responsabilità genitoriale

Come si è evoluta nel tempo la disciplina giuridica del rapporto genitori-figli? È solo a partire dal d.lgs. 154/2013 che nell’ ordinamento giuridico italiano si

Scopri di più »

15 risposte

    1. Buongiorno
      Per darle una risposta dovrei avere molte più informazioni.
      Avv. Cirri

    2. buon giorno avvocato o fatto tutto il rito della separazione il rito del divorzio e cause sono gia 3 anni che pago 100 euro al mese e o dato 4000 euro subito vorrei un favore da lei quato costa tutto grazie perche sono stanco di pagare ancora la rigrazio io sono un pensionatoe quadgno1250 euro

    3. Alfredo buongiorno
      I costi crescono all’aumentare delle attività professionali svolte.
      Guardi le tabelle del mio articolo.
      Avv. Cirri

    1. Buongiorno,
      se non avete figli o i figli sono maggiorenni ed economicamente autosufficienti e non avete questioni economiche da regolare potete semplicemente recarci all’ufficio dello stato civile del Comune ove siete residenti.
      saluti
      Avv. Cirri

  1. Buongiorno io e mio marito viviamo separati da 10 anni , abbiamo una figlia di 12 .Vogliamo separarci consensualmente ma lui mi da 300€ al mese e metà di spese per i bisogni primari .
    La ragazza sta sempre da me e fa tutto l’anno scolastico .Da lui fa ferie estive . Io sono costretta a fare un part-time fin che la ragazza e a scuola per poi seguirla meglio . I 300€ non sono sufficienti perché lui ha tutto il tempo necessario per lavorare e guadagnare di più .

    1. Paola buonasera
      La riposta meriterebbe molto approfondimenti sulla vostra situazione.
      Anche perché 10 anni avranno creato delle consuetudini.
      Da dove mi scrive?
      Avv. Cirri

  2. Secondo lei nel divorzio promosso con negoziazione assistita tra avvocati è dovuto il rimborso spese generali del 15 per cento?

  3. Buongiorno ,

    in base a quale regola o parametro un avvocato decide se applicare un grado di complessita’ piuttosto che un altro ? o meglio per una separazione consensuale senza alcuna necessita’ di conciliazione , con pieno accordo tra i coniugi é corretto attribuire il grado di complessita’ alto ?

    grazie e buon lavoro

    1. Buongiorno Sig. Luigi,

      non posso esprimermi in quanto non ho contezza della pratica né della sua complessità.
      Ritengo che il Collega ben avrà parametrato i compensi alla complessità della questione trattata.
      Saluti
      Avv. Cirri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *